SIRIA: MASSICCIO AFFLUSSO DI RIFUGIATI
SIRIA: MASSICCIO AFFLUSSO DI RIFUGIATI
VERSO LA REGIONE IRACHENA DEL KURDISTAN
Migliaia di siriani verso l'Iraq
Dal sito dell'UNHCR
16 agosto 2013

Un improvviso e imponente esodo è quello che ha portato nella giornata di ieri 15 agosto migliaia di cittadini siriani ad attraversare il confine ed entrare nel nord dell'Iraq. Un esodo che i funzionari dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) presenti sul terreno hanno descritto come un flusso di ondate di persone lungo il nuovo ponte di Peshkhabour sul fiume Tigri.

Le ragioni all'origine di questo massiccio spostamento di popolazione non sono ancora del tutto chiare e dalla notte appena trascorsa l'Agenzia non ha registrato altri imponenti attraversamenti della frontiera. Alcuni dei siriani avrebbero atteso dai due ai tre giorni nei pressi del fiume Tigri, sistemandosi in un accampamento di fortuna. Gli osservatori dell'UNHCR al confine hanno inoltre visto arrivare dal lato siriano decine di autobus, dai quali sono scese altre persone che intendevano varcare la frontiera. Generalmente a Peshkhabour sia il lato siriano che quello iracheno del confine sono rigorosamente controllati.  

Il primo gruppo di siriani – circa 750 persone – ha attraversato il ponte di Peshkhabour prima di mezzogiorno, seguito nel pomeriggio da un gruppo molto più numeroso, composto da 5mila a 7mila persone.

Si tratta, per la maggior parte, di famiglie (donne, bambini e anziani) provenienti principalmente da Aleppo, Efrin, Hassake e Qamishly. Alcune famiglie hanno riferito agli operatori dell'Agenzia di avere parenti che risiedono nel nord dell'Iraq, mentre alcuni studenti in viaggio da soli hanno detto di studiare in questa regione e di essere tornati in Siria solo per le recenti festività dell'Eid.

Nelle prime ore del mattino i team di operatori UNHCR e delle agenzie partner hanno lavorato a stretto contatto con le autorità locali per prestare assistenza ai nuovi arrivati, ai quali hanno fornito acqua e cibo. L'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM/IOM) e il Governo Regionale del Kurdistan hanno messo a disposizione centinaia di autobus per trasferire i rifugiati verso i governatorati di Dohuk ed Erbil.

In quest'ultima unità amministrativa circa 2mila dei nuovi arrivati sono attualmente accampati in un sito nella città di Kawergost, dove l'UNHCR ha allestito un'area di transito/accoglienza d'emergenza. Alcuni dei nuovi arrivati hanno potuto sistemarsi in tende già erette dall'Agenzia, mentre altri starebbero alloggiando all'interno di moschee o presso parenti o amici che risiedono nell'area.

L'UNHCR è impegnato con le autorità del Governo Regionale del Kurdistan, con altre agenzie delle Nazioni Unite e con le organizzazioni non governative partner ad allestire un nuovo campo a Darashakran, a breve distanza dall’aerea di transito. La struttura dovrebbe aprire tra due settimane e l’UNHCR auspica che riesca ad alleggerire la pressione nell'affollato campo di Domiz oltre che a  consentire ai rifugiati che attualmente vivono in costose sistemazioni prese in affitto di trasferirsi nel campo, dove riceverebbero anche l'assistenza da parte dell'Agenzia.  

L'UNHCR esprime gratitudine nei confronti delle autorità irachene, e in particolare verso il Governo Regionale del Kurdistan, per il loro impegno nei negoziati che hanno consentito ai nuovi arrivati di varcare il confine, oltre che per aver garantito il trasporto e l’assistenza alla frontiera.

Al momento sono 1.916.387 i cittadini siriani fuggiti dalla guerra e registrati come rifugiati o in attesa di registrazione. Due terzi di loro sono fuggiti quest'anno. Attualmente 684mila rifugiati siriani si trovano in Libano, 516mila in Giordania, 434mila in Turchia, 154mila in Iraq (esclusi gli arrivi di ieri) e 107mila in Egitto.

I Governi della regione stanno gestendo con estrema attenzione le loro frontiere con la Siria, soprattutto per motivi legati alla sicurezza nazionale, ma i rifugiati continuano ad affluire negli stati confinanti in maniera graduale. L'UNHCR continua ad esortare i paesi della regione, e fuori della regione, affinchè tengano aperte le proprie frontiere e ricevano tutti i cittadini siriani in cerca di protezione.
Calendario
<< < dicembre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org