FINANZA KILLER
FINANZA KILLER
Non con i nostri soldi
Udine, venerdì 20 settembre - ore 21:00
FINANZA KILLER - Non con i nostri soldi!
VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2013, ore 21:00
TEATRO SAN GIORGIO, UDINE
Borgo Grazzano, via Quintino Sella n. 5

Biglietti anticrisi: 7 euro interi, 5 euro ridotti.
Prevendite: Teatro Palamostre, Piazzale Paolo Diacono, dal 10 settembre,da martedì a sabato, dalle ore 17:30 alle ore 19:30 oppure online sul circuito Vivaticket.
Biglietteria: Teatro San Giorgio, il giorno dello spettacolo dalle ore 20:00.

Organizzato da: Ce.V.I. Centro di Volontariato Internazionale
In collaborazione con:
GIT (Gruppo delle iniziative territoriali dei Soci di Banca Etica di Udine) - ARCI Comitato Territoriale di Udine - Associazione NeoAteneo - Solidarmondo PN
Con il sostegno di: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Politiche Giovanili
Con il patrocinio di: Comune di Udine - Provincia di Udine
Si ringrazia il CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

FINANZA KILLER - Non con i nostri soldi!
L’obiettivo dello spettacolo è quello di informare il pubblico, permettendogli di capire come siamo giunti nella condizione in cui ci troviamo, ma soprattutto cosa sia possibile fare, anche individualmente, per uscirne.Lo spettacolo affronta in modo critico l’evoluzione del sistema bancario italiano, con particolare riguardo al passaggio dal modello pubblico di banca ad un modello privato, attraverso la riforma del 1993 che in Italia spalancò le porte all’attività speculativa delle banche. Vi si affrontano i temi della crisi mondiale, dei mutui subprime, dei derivati, dei titoli tossici, dei paradisi fiscali, del “land grabbing” (l’accaparramento di terre vergini…), delle banche armate, della finanza etica.
La via maestra per uscire dalla crisi ed evitare un suo ripetersi passa per una maggiore giustizia sociale, economica e ambientale. I 50 top manager dei fondi di investimento e hedge fund guadagnano in media 588 milioni di dollari ciascuno, 19.000 volte lo stipendio medio del lavoratore statunitense. Somme difficili anche solo da concepire e frutto unicamente di attività finanziarie e speculative. La ricchezza prodotta nel mondo permetterebbe a ogni essere umano di vivere con un reddito di 2884 dollari al mese. Oltre un miliardo di persone, nella realtà, sopravvive con meno di un dollaro al giorno. Un'ennesima conferma del fallimento del libero mercato e della sua presunta efficienza nel distribuire le risorse autoregolandosi. Invertire la rotta diventa imprescindibile. Cambiare strada significa porre gli esseri umani davanti ai profitti.
 
Una produzione ITINERARIA TEATRO
Testo: Ercole Ongaro e Fabrizio De Giovanni
Regia: Felice Cappa

Interpreti: Fabrizio De Giovanni
Allestimenti tecnici e scenografici: Maria Chiara Di Marco
Tecnico Luci: Eliel Ferreira
Operatore video e post produzione video: Franco Valtellina
 
INFO WEB http://cevi.coop/formazione/spettacolo--finanza-killer---non-con-i-nostri-soldi--(151).htm
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/640343232662061/?notif_t=plan_user_joined


RECENSIONE - Emanuela Dal Pozzo
www.traiettorie.org   -  N.7 del 3 novembre 2012
 
In un teatro gremito come raramente si vede, il 25 ottobre 2012 a Rezzato, alle porte di Brescia, è stato rappresentato “FINANZA KILLER - non con i nostri soldi”, produzione di Itineraria Teatro, uno spettacolo sulla storia della crisi attuale, un percorso a ritroso nel tempo a rintracciare nomi eccellenti, non escluso quello di Monti, nonché fatti e misfatti legati alle banche e alle loro fusioni, che dall'America all'Europa non hanno risparmiato nessuno.
In scena un unico attore, Fabrizio De Giovanni ed alle spalle un video che riprende all'inizio storie di gente qualunque: la perdita di cospicui risparmi per un crac nelle azioni, un mutuo non concesso, un mutuo già avviato ma oggi impossibile da assolvere.
Lo spettacolo non è la classica satira politica che con battute più o meno graffianti allude a quel o tal altro personaggio politico, ma la minuziosa ricostruzione, in stile giornalistico, di quanto avvenuto in una rilettura che accusa le banche e i suoi dirigenti del passato e del presente.
Non manca nemmeno un accenno alla Costituzione Italiana e alla discrepanza tra le finalità delle banche in essa previste e le finalità che invece esse oggi perseguono, così lontane dal primitivo pensiero di sostegno al cittadino. Nonostante il tema già di per se si presti ad attrarre l'attenzione pubblica, (ora si capisce il motivo dell'esorbitante pubblico) l'attore in scena è un professionista, capace di passare con scioltezza da un personaggio all'altro, versatile nel colorire caratteri e umori e soprattutto rispettoso del suo ruolo di “contro informatore”, attento, nel corso dello spettacolo, a non catalizzare l'attenzione del pubblico su di sé, come narcisisticamente spesso attori solisti fanno, ma piuttosto sullo svolgimento dei contenuti della messa in scena. Ne viene fuori uno spettacolo a misura di pubblico, di cui il pubblico eterogeneo ( c'è davvero di tutto, comprese le suore) sembra essere consapevole.
La sensazione dello spettatore, pur nel rispetto dei reciproci ruoli, è di benessere, di “un sentirsi a casa”.
Molti alla fine si fermano a salutare, ringraziare, richiedere un depliant contenente “ le istruzioni” per avviare un corretto rapporto con le banche, precedentemente presentato dall'attore: una sorta di promemoria che sintetizza il senso dello spettacolo e fornisce qualche dato in più.
Calendario
<< < dicembre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org