Riflessioni da Capaci
Riflessioni da Capaci
Giornate della memoria di Pierluigi Di Piazza
Palermo e Capaci, 22 e 23 maggio 2017
Riflessioni da Capaci
giornate della memoria di Pierluigi Di Piazza
Palermo e Capaci, 22 e 23 maggio 2017
(la foto di copertina è di Antonio Vassallo)

Oggi, 23 maggio, ricorre il venticinquesimo anniversario della strage di Capaci in cui, con una azione di guerra la mafia che fece saltare 400 metri dell'autostrada e uccise Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. 
Non si tratta di “fare memoria” relegandola ad una data, pure importante, bensì di vivere la memoria per diventare ed essere memoria nella nostra vita, nel modo di pensare, di scegliere e di agire.
Ho vissuto due giornate fra Palermo e Capaci, invitato da Dario Riccobono, referente  e animatore straordinario dell'Associazione “Addio Pizzo” la cui XII festa annuale ha voluto diventare, quest'anno 2017, una memoria dell'evento tragico di 25 anni fa come anteprima alle celebrazioni ufficiali di oggi dove, proprio nei pressi del tunnel sotto l'autostrada nel quale i mafiosi collocarono di tritolo, sarà inaugurato il giardino della memoria e collocata anche l'auto blindata  che Falcone, per suo desiderio stava guidando con la moglie accanto, mentre l'autista Giuseppe Costanza seduto sul sedile posteriore incredibilmente, seppur con gravi ferite, si è salvato.
Domenica pomeriggio una folla di persone, tanti ragazzi e giovani, tra cui gli alunni della scuola media di Capaci “Biagio Siciliano” sono stati coinvolti in un'esperienza di profonda intensità e commozione alla, “casetta No mafia”, il luogo in cui il mafioso Giovanni Brusca azionò il comando per l'esplosione. È un luogo accanto ad un locale Amap, gestore dell'acqua per la città di Palermo.
Ho guardato a lungo da lassù con gli occhi della profondità dell'animo e della coscienza lo scenario di rara bellezza: il mare si apre lì di fronte, il luogo strategico per colpire fra l'incombere della roccia sovrastante e quel mare incantevole di fronte, con l'autostrada che in quel tratto si avvicina di più alla montagna.
Da postazione di attuazione di morte è diventato un luogo di memoria viva, simbolo per l'impegno contro la mafia, culturale e operativo. Sulla parete la grande scritta “no mafia”, opera di Addio Pizzo, leggibile dal 2005 da chi percorre l'autostrada dall'aeroporto intitolato a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino fino a Palermo, ora illuminata anche di notte.
È un luogo in cui “Addiopizzo Travel” accompagna migliaia di persone, soprattutto i giovani, provenienti da diversi luoghi d'Italia e del mondo. Domenica erano presenti giovani studenti degli USA, della Germania, della Gran Bretagna. Con una decisione, espressione di sensibilità e di intelligenza, per questo 25esimo anniversario si sono ridipinte le lettere di “no mafia”, accostando a ciascuna lettera una questione importante e chiedendo ad una persona, a nome di tutti i presenti e di tanti altri di usare il pennello. Gli alunni della scuola media “Biagio Siciliano” di Capaci con una preparazione ammirevole, guidata dalla loro insegnante Lina Ammavuta hanno letto dei brani scelti, legati a ciascuno dei temi.
La riverniciatura della “n” è stata affidata a Brizio Montinaro, fratello di Antonio, ucciso a Capaci, caposcorta di Falcone. La “o” legata a occupazione, affidata alla Cooperativa Rigenerazione Onlus, che con prodotti alimentari “cotti in fragranza”, che coinvolge nel lavoro i minori del carcere minorile di Palermo.
Mi sono sentito onorato, commosso, umile e trepidante quando sono stato invitato a ridipingere la “M” associata a migrazioni. Frammenti di riflessione nell'esprimere brevemente come anche le migrazioni rivelano situazioni di morte nelle loro cause strutturali ed esprimono la richiesta di una nuova umanità di giustizia, di pace, di convivenza pacifica.
La “a” di ambiente è stata affidata ai giovani del parco “Uditore” di Palermo, area desolata e riconsegnata con lavoro straordinario alla città e oggi frequentatissima.
La “F” affidata alla scuola, naturalmente quella di Capaci e alla scuola media “Ferrara” di Piazza Maggiore nel quartiere di Palermo, dove sono nati Falcone e Borsellino.
Per la “i”, informazione, è stato coinvolto Lirio Abbate, giovane giornalista dell'Espresso che ha rilanciato l'esigenza di una informazione veritiera.
Della “a” si è occupato il regista di “La mafia uccide solo d'estate”, Pif, palermitano, impegnato a diffondere una cultura contro la mafia con una leggerezza che coinvolge e fa riflettere.
Alla sera nella piazza di Capaci, piena di gente, con il coinvolgimento anche della parrocchia confronto a più voci.
Fra gli altri Alfredo Morvillo, procuratore di Trapani, fratello di Francesca, moglie di Falcone.
Si è cercato di approfondire cosa è avvenuto in questi 25 anni. Un interrogativo ed una risposta dirimenti e decisivi: “che cosa fare perché queste morti non siano state inutili?”
La risposta, ha detto il procuratore è in ciascuno di noi, nella nostra sensibilità, cultura, decisioni e azioni.
La scritta su uno striscione retto alla casina “no mafia” da alcuni ragazzi diceva proprio questo riferito a Falcone e Borsellino: “Le vostre idee camminano sulle nostre gambe”.
Il lunedì mattina nella scuola media “Biagio Siciliano” di Capaci, qualche centinaio di metri dall'autostrada, dal luogo della strage: letture, riflessioni, commozioni.
Insegnamenti e commozioni straordinarie. Fra i segni positivi certamente l’associazione “Addio Pizzo” che ha iniziato da un gruppo di giovani nel 2005 è riuscito con ammirevole impegno a coinvolgere più di 1000 imprenditori e negozianti a liberarsi dal ricatto del pizzo.
Ragioni credibili di speranza.

Le foto sono di Antonio Vassallo, Chiara Oliva e Viviana Corvaia 



Calendario
<< < luglio 2024 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - Centro di Accoglienza "E. Balducci" ODV ETS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org