Cammino di pace Zuglio - San Pietro in Carnia
Cammino di pace Zuglio - San Pietro in Carnia
La riflessione di Pierluigi Di Piazza
31 dicembre 2017
Cammino di pace Zuglio - San Pietro in Carnia
La riflessione di Pierluigi Di Piazza
31 dicembre 2017

E’ fondamentale lo spirito con cui noi viviamo questo cammino di pace di questa notte del 31 dicembre 2017, il 39° in sintonia con il messaggio di papa Francesco per la 51a Giornata Mondiale della Pace, 1 gennaio 2018.

È fondamentale lo spirito perché non diventi una ritualità scontata o solo una diversità esteriore per trascorrere l’ultima notte dell’anno aspettando l’alba dell’anno nuovo. Ci poniamo una domanda ineludibile: sentiamo noi, con questo cammino, di condividere il cammino dei migranti? 

Papa Francesco non poteva che scegliere questo tema, la questione dei migranti: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”, perché non è una fra le più importanti, ma quella più importante, decisiva, proprio dirimente perché ne comprende altre importanti che di fatto sono le cause strutturali delle forzate migrazioni che, fenomeno permanente nella storia dell’umanità, oggi ha assunto la connotazione di essere diventato planetario, riguardante cioè tutto il Pianeta.

Mai a sufficienza meditiamo sulle cause: impoverimento, povertà, fame, sete, mancanza di strutture sanitarie, scuole, case, lavoro, possibilità di vita degna. Violazione dei diritti umani, regimi dittatoriali e oppressivi, guerre spaventose e disastrose combattute anche con le armi fabbricate e vendute dall’Italia, in aumento non in diminuzione. Disastri ambientali, con gravissime responsabilità dell’uomo.

Lo sguardo sui migranti è molto importante perché rivela quello che c’è nel cuore e nella coscienza. Papa Francesco nel suo messaggio esorta appunto a uno sguardo contemplativo cioè al livello più profondo, spirituale, di quella spiritualità incarnata nella storia che attraversa le nostre vite e gli eventi storici; non uno spiritualismo astratto e disincarnato. Si può guardare con indifferenza, con superficialità, con distacco, con sospetto, con rifiuto e con avversione e si può invece guardare con attenzione, compassione, patendo con, prendere a cuore (I care di don Milani e dei suoi ragazzi) prendersi cura, coinvolgersi, relazionarsi, ascoltare, conoscere, crescere in umanità, cultura e spiritualità.

Uno sguardo attento dovrebbe subito, guardando con gli occhi del cuore i loro volti, i loro sguardi, farci pensare alle loro famiglie, ai loro paesi, alle gravissime complicità del nostro mondo con le situazioni drammatiche di quei paesi, a quelle situazioni che sono le cause strutturali delle loro forzate partenze; ai loro viaggi della disperata speranza, alle violenze e torture che subiscono, ai soldi che devono consegnare ai trafficanti… guardare con occhi di compassione e di seguente sdegno ai lager della Libia, tali anche per le complicità del nostro mondo...

Si parla centinaia di migliaia di persone, di migranti nell’inferno libico rinchiusi nei lager, violentate, torturate, stuprate. Le terrificanti immagini della CNN ci hanno mostrato come in quei lager vengono perfino allestite aste di profughi-schiavi. Sia Amnesty International, sia il Tribunale Permanente dei Diritti dei Popoli riunitosi a Palermo pochi giorni fa hanno emesso una storica sentenza: Unione Europea e Italia sono corresponsabili dell’abuso sui migranti, un oltraggio alla coscienza dell’umanità.

Una parte consistente del nostro mondo non si pone queste domande e reagisce in modo indispettito e purtroppo anche avverso alla loro presenza. Loro, venendo fra noi, ci rivelano come sta il mondo, appunto queste drammatiche situazioni, chi sono loro con le loro diversità, conoscendo le quali noi apriamo e arricchiamo le nostre identità che, altrimenti, chiudendosi impoveriscono e pretendono di difendersi dagli altri diversi o di respingerli.

Loro, venendo fra noi, ci rivelano -e vediamo come questo sta avvenendo- chi siamo noi, qual è la nostra sensibilità umana, quale la nostra cultura, la nostra etica dei diritti umani, la nostra politica e legislazione; qual è il grado della nostra fede religiosa, dato che taluni utilizzano anche la religione (ma è la religione del sistema, non la fede profetica a cui ci coinvolge il Vangelo) per alimentare diffidenza e rifiuto in nome delle radici, dell’identità e della cultura cristiana e cattolica, del noi (così dicono queste persone) contro loro, della nostra patria e terra che non è loro, che anzi loro vengono a invadere e occupare, a manomettere, diffondendo altre culture e religioni che inquinano le nostre.

Manca qualsiasi memoria storica e ogni forma di pudore e vergogna. Basterebbe pensare al colonialismo, agli sfruttamenti di risorse e di persone nei loro paesi. Ad esempio, a come gli italiani del fascismo sono andati in Etiopia a occupare e sfruttare e come hanno usato i gas per bruciare vivi nelle loro capanne donne e bambini. Quando arrivano gli etiopi, ma così è egualmente per gli altri, dovremmo abbassare gli occhi, chiedere umilmente perdono, invece tanti, troppi sono prepotenti, arroganti, violenti nei loro confronti.

Nessuno nasconde la complessità delle situazioni; dovrebbe diffondersi l’urgenza di rompere la catena di complicità con il sistema di violenza, dominio e guerra; di progetti seri di immediata, media e lunga cooperazione da realizzare con quei paesi coinvolgendo in modo rispettoso friulani, italiani, europei… a progettare, investire, operare con le popolazioni residenti. E insieme progetti di accoglienza seri, strutturati, con inserimenti di prospettiva nelle nostre società.

L’Europa ha dimostrato e continua a dimostrare la propria vergogna: muri, fili spinati, chiusure incomprensibili da paesi come la cattolica Polonia che sono stati aiutati dall’Europa e hanno mandato centinaia di migliaia di emigranti negli altri paesi. L’Italia ha il grande merito di aver salvato decine e decine di migliaia di vite umane nel mare Mediterraneo anche se, nonostante questo straordinario impegno, il numero delle persone morte in questi anni nel Mediterraneo sono oltre 40.000, tantissimi i bambini.

Manca un progetto serio d’inserimento: c’è la positività dello SPRAR, ma è inadeguato rispetto alle richieste. Papa Francesco ci indica nel suo messaggio quattro pietre miliari, ci comunica quattro verbi pregnanti di significato che chiedono disponibilità interiore e capacità di accoglienza organizzativa: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. Ci chiediamo come mai in Friuli Venezia Giulia, terra di decine e decine di migliaia di emigranti, terra che ha sperimentato la grande solidarietà nel dopo terremoto, certo insieme a esperienze positive di accoglienza, ci siano atteggiamenti e azioni di rifiuto e di avversione.

Le responsabilità di una politica incerta, impacciata e poco progettuale non possono di certo giustificare parole e comportamenti di xenofobia e di razzismo, l’annunciato arrivo di piccoli numeri di persone. L’amico Loris de Filippi, presidente di Medici senza frontiere Italia mi ha scritto una lettera letta nella celebrazione della sera di Natale in cui dice di vivere in Bangladesh in mezzo a 500mila profughi del Myanmar, in particolare del popolo perseguitato dei rohingya. L’Uganda a fine 2016 ha accolto 900mila persone! Ci si chiede cosa stia avvenendo nel cuore, nella coscienza, nella mente dei friulani, a partire da questa nostra Carnia, e perché questo avvenga. Si avverte come urgente e indispensabile un’autentica conversione, un cambiamento nel modo di sentire, di parlare, di agire…

Ero affamato, assetato, denudato, ammalato, carcerato, forestiero: voi mi avete accolto o non mi avete accolto”. Non si può essere cristiani ed indifferenti; non si può essere cristiani e xenofobi, non si può essere cristiani e razzisti.

Questa è la verifica indiscutibile della nostra fede… del nostro cammino di pace di questa notte, del cammino della nostra vita.

Pierluigi Di Piazza


Calendario
<< < luglio 2018 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org