Riflessioni al Vangelo del 5 aprile
Riflessioni al Vangelo del 5 aprile
di Pierluigi e dei giovani e catechisti della comunità
Zugliano, domenica 5 aprile 2020
Riflessioni al Vangelo del 5 aprile
di Pierluigi e dei giovani e catechisti della comunità
5 aprile 2020
Domenica delle Palme
 

Per la quarta Domenica consecutiva ci ritroviamo insieme a condividere letture, pensieri, che ci possano aiutare a superare questa crisi.

5 aprile 2020 – Domenica delle Palme
Vangelo di Matteo 21,1-11, 27,45-54
Quando furono vicini a Gerusalemme e giunsero presso Bètfage, verso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due discepoli, dicendo loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un'asina, legata, e con essa un puledro. Slegateli e conduceteli da me. E se qualcuno vi dirà qualcosa, rispondete: «Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà indietro subito»». Ora questo avvenne perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: Dite alla figlia di Sion:Ecco, a te viene il tuo re, mite, seduto su un'asina e su un puledro, figlio di una bestia da soma. I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: condussero l'asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. La folla, numerosissima, stese i propri mantelli sulla strada, mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla strada. La folla che lo precedeva e quella che lo seguiva, gridava: «Osannaal figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli!». Mentre egli entrava in Gerusalemme, tutta la città fu presa da agitazione e diceva: «Chi è costui?». E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nàzaret di Galilea».
Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la regione, fino alle tre del pomeriggio.
Verso le tre Gesù gridò molto forte: 'Elì, Elì, lemà sabactàni', che significa 'Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?'. Alcuni presenti udirono e dissero: 'Chiama Elia, il profeta!'. Subito, uno di loro corse a prendere una spugna, la bagnò nell'aceto, la fissò in cima a una canna e la diede a Gesù per farlo bere. Ma gli altri dissero: 'Aspetta! Vediamo se viene Elia a salvarlo!'. Ma Gesù di nuovo gridò forte, e poi morì. Allora il grande velo appeso nel Tempio si squarciò in due, da cima a fondo. La terra tremò, le rocce si spaccarono, le tombe si aprirono e molti credenti tornarono in vita. Usciti dalle tombe dopo la risurrezione di Gesù, entrarono a Gerusalemme e apparirono a molti. L'ufficiale romano e gli altri soldati che con lui facevano la guardia a Gesù si accorsero del terremoto e di tutto quel che accadeva. Pieni di spavento, essi dissero: 'Quest'uomo era davvero Figlio di Dio!'.

PIERLUIGI:
Una domenica degli ulivi del tutto inedita, con il tempo sospeso che chiede significati. Il ramoscello di ulivo in mano da parte di tante persone in una comunità festosa che canta non è possibile, ma diventare ed essere bambini e bambine, ragazzi e ragazze, giovani, donne e uomini di pace è possibile ugualmente.
Il dramma che stiamo vivendo ci ricorda ogni giorno che siamo fragili, vulnerabili, interdipendenti. Ci insegna che abbiamo bisogno di responsabilità condivise, di cooperazione e solidarietà a tutti i livelli.
Tante volte ci siamo ricordati che la pace non è solo il contrario, l’assenza di guerra, ma che è molto di più: è un progetto di equilibrio di se stessi con se stessi, dei rapporti con gli altri: persone, comunità e popoli; con la madre terra e tutte le espressioni della vita; è concretezza di giustizia, del rispetto concreto dei diritti umani uguali per tutti o non più tali.
E’ rifiuto della violenza nei pensieri, nelle parole, nelle azioni. La pace è lavoro, cibo, acqua, salute, istruzione, dignità, uguaglianza, rispetto, fraternità, libertà, dialogo, democrazia, accoglienza, memoria, futuro.
Sgomenti e insieme pensierosi e istruiti da quanto sta avvenendo ci chiediamo a che cosa servano la fabbricazione e il commercio e l’uso delle armi, le guerre spaventose con milioni di morti, che di fatto non servono a nulla nei confronti di un nemico invisibile e terribile come il coronavirus. Ci chiediamo se queste vertiginose spese non dovrebbero invece essere finalizzate alla ricerca medica, alla costruzione di un sistema sanitario diffuso e rispondente nei territori e nelle diverse strutture ospedaliere.
Ci chiediamo cosa significhi la sicurezza e constatiamo l’insignificanza dei decreti sicurezza, come la disumanità dell’avversione e dell’inimicizia verso l’altro diverso, in particolare l’immigrato.
Nella domenica degli ulivi si legge anche la Passione del Signore. La mancanza delle celebrazioni nelle chiese oggi come anche in tutta la prossima settimana può favorire la percezione della solitudine di Gesù di Nazaret: nell’arresto, nel processo, nella tortura della flagellazione, nel tragitto verso il Calvario, luogo dell’esecuzione, nella morte sulla croce.
Ha vissuto fino in fondo la solitudine perché possiamo sentirlo accanto nella nostra solitudine.
Ascolta il commento di Pierluigi

Nicoletta:
E’ trascorso un mese da quando gli incontri del catechismo si sono interrotti, ma io e Paola, abbiamo trovato il modo di fare catechismo in un modo speciale: invitare i bimbi a rispondere ai vari appelli del Papa, di unirsi in un momento di preghiera; una sera li abbiamo invitati ad accendere una candela ponendola sul balcone recitando una preghiera; la domenica dove veniva letto il vangelo della guarigione del cieco, li abbiamo invitati a costruire un paio di occhiali spiegando che, anche per noi è facile essere ciechi, quando ci comportiamo male con gli altri, quando non ci accorgiamo delle difficoltà degli amici…; per la domenica delle Palme, oltre al momento della preghiera, diamo loro il materiale per la composizione della loro croce unendo la colomba, simbolo di pace e le mani che simboleggiano il desiderio di accompagnare, aiutare e sorreggere Gesù. Con immenso orgoglio e soddisfazione, annunciamo che i nostri inviti sono stati accolti dalla gran parte di loro.
Ci rivolgiamo al Signore chiedendo che ci aiuti a vivere questa speciale Settimana Santa, con la consapevolezza che Tu ci sei e ci starai sempre vicino e aiuterai tutti noi a superare questo particolare momento e ringraziamo il Signore perché siamo riuscite a parlare di Te stando a casa.
Buona festa delle Palme a tutti.

Giulia:
Invincibile estate di Albert Camus
Mia cara,
nel bel mezzo dell’odio
ho scoperto che vi era in me
un invincibile amore.
Nel bel mezzo delle lacrime
ho scoperto che vi era in me
un invincibile sorriso.
Nel bel mezzo del caos
ho scoperto che vi era in me
un’ invincibile tranquillità.
Ho compreso, infine,
che nel bel mezzo dell’inverno,
ho scoperto che vi era in me
un’invincibile estate.
E che ciò mi rende felice.
Perché afferma che non importa
quanto duramente il mondo
vada contro di me,
in me c’è qualcosa di più forte,
qualcosa di migliore
che mi spinge subito indietro.

Frida
Anche questa domenica ci ritroviamo rinchiusi nelle nostre case a leggere le pagine riguardanti i pensieri relativi all’ultima domenica prima di Pasqua.
Penso che la maggior parte di noi sia stanca e provata da questa terribile situazione.
Le norme, i dispositivi di protezione e la mancanza di interazione sociale stanno diventando sempre più difficili da sopportare.
È proprio in questi momenti che le persone possono sia perdere, che acquisire la fede verso il Signore.
Molti di noi si chiederanno il motivo per cui tutto questo è successo e come siamo riusciti ad arrivare a questa situazione tanto inaspettata quanto drammatica. Ritengo che molti di noi attendano risposte, certezze o le più semplici rassicurazioni.
La verità è che non possiamo sapere cosa succederà, come, quando e se finirà questa pandemia.
La mia visione non vuole essere pessimistica e nemmeno accusatoria, vorrei soltanto condividere con voi i miei pensieri. Credo ora più che mai dobbiamo avere fiducia, fiducia nel prossimo, nelle autorità, nei medici e in Dio.
Quest’epidemia non deve portare con se odio e dolore ma un nuovo modo di vedere la vita.
Questa esperienza ci può insegnare ad apprezzare i piccoli gesti, le persone che ci circondano o semplicemente il calore del sole sulla pelle.
Io stessa sono consapevole che trascuravo questi aspetti, gli ambienti o le persone, ma la quarantena mi sta insegnando il valore di ogni piccola cosa, di un messaggio o di un sorriso.
Infine voglio ricordare che, nonostante in questo momento ci sentiamo isolati, abbandonati e tristi, questo periodo finirà e la vita tornerà ad essere quella di prima, con tutti i suoi aspetti positivi e negativi.
Noi però, saremo diversi, cambiati nel profondo, saremo cresciuti con la consapevolezza dell’importanza di ogni singolo individuo e della bellezza della vita.
Vi ringrazio per il vostro tempo e auguro una buona domenica a tutti voi e alle vostre famiglie.
Infine desidero ringraziare anche Pierluigi e Giuseppe per la loro disponibilità.

Mattia
Condivido la riflessione sullo scenario futuro dello scrittore israeliano David Grossman:
“Quando l'epidemia finirà, non è da escludere che ci sia chi non vorrà tornare alla sua vita precedente. Chi, potendo, lascerà un posto di lavoro che per anni lo ha soffocato e oppresso.
Chi deciderà di abbandonare la famiglia, di dire addio al coniuge o al partner. Di mettere al mondo un figlio o di non volere figli. Di fare coming out. Ci sarà chi comincerà a credere in Dio e chi smetterà di credere in lui.”

Giuseppe
meditando sulla solitudine vissuta da Gesù di Nazareth nelle ultime ore della sua esistenza, il mio pensiero va alla solitudine vissuta dalle vittime del corona virus, a coloro che soli in un letto di ospedale non hanno potuto sentire la vicinanza dei propri cari prima di morire.
Ai parenti stessi che non hanno potuto abbracciarli, salutarli e non fare altro che piangerli da lontano.
Buona domenica.


Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org