Riflessioni al Vangelo del 12 aprile
Riflessioni al Vangelo del 12 aprile
di Pierluigi e dei giovani e catechisti della comunità
Zugliano, domenica 12 aprile 2020
Riflessioni al Vangelo del 12 aprile
di Pierluigi e dei giovani e catechisti della comunità
12 aprile 2020
Domenica di Pasqua
 
Ancora una Domenica consecutiva (la quinta) in ci ritroviamo insieme a condividere letture, pensieri, che ci possano aiutare a superare questa crisi.

12 aprile 2020 – Domenica di Pasqua
PASQUA: MORTE, VITA, SPERANZA
Vangelo di Giovanni 20,1-9

Il primo giorno della settimana, la mattina presto, Maria di Màgdala va verso la tomba, mentre è ancora buio, e vede che la pietra è stata tolta dall'ingresso. Allora corre da Simon Pietro e dall'altro discepolo, il prediletto di Gesù, e dice: 'Hanno portato via il Signore dalla tomba e non sappiamo dove l'hanno messo!'. Allora Pietro e l'altro discepolo uscirono e andarono verso la tomba. Andavano tutti e due di corsa, ma l'altro discepolo corse più in fretta di Pietro e arrivò alla tomba per primo. Si chinò a guardare le bende che erano in terra, ma non entrò. Pietro lo seguiva. Arrivò anche lui e entrò nella tomba: guardò le bende in terra e il lenzuolo che prima copriva la testa. Questo non era in terra con le bende, ma stava da una parte, piegato. Poi entrò anche l'altro discepolo che era arrivato per primo alla tomba, vide e credette. Non avevano ancora capito quello che dice la Bibbia, cioè che Gesù doveva risorgere dai morti.

Pierluigi:
La Pasqua, senza celebrazioni nelle chiese può essere avvertita paradossalmente con maggior profondità, nella sua essenzialità, perché la ritualità solenne comporta sempre il rischio dell’esteriorità, del compiacimento di un certo protagonismo liturgico.
San Paolo afferma che “se Cristo non fosse risorto dai morti, vana sarebbe la nostra fede”. Ma di quale fede si tratta?
Di una fede coinvolta nei drammi e nelle speranze della storia, che sprona continuamente a porre segni di liberazione, di vita, di speranza. Si possono ricordare come orientamento le parole di due profeti martiri.
Il pastore Luterano Dietrich Bonhoffer impiccato nel campo di sterminio di Flossenburg il 9 aprile 1945 per la sua opposizione al nazismo ammoniva che non si può cantare l’alleluja di Pasqua nelle chiese e non opporsi allo sterminio quotidiano di migliaia di persone.
Il vescovo del Salvador Romero di cui, il 24 marzo scorso tante persone e comunità, soprattutto in America latina, ma non solo hanno ricordato il 40 anniversario della uccisione mentre celebrava l’Eucarestia, così affermava: “…la morte se accettata da Dio sia per la liberazione del mio popolo e come una testimonianza di speranza per il futuro… un vescovo morirà, ma la Chiesa di Dio che è il popolo non perirà mai…risorgerò nel mio popolo…”.
Sono le parole di due testimoni che hanno dato al loro vita perché ci sia vita, giustizia, libertà, pace per tutti.
L’uccisione violenta di Gesù di Nazaret come un delinquente comune sulla croce pareva aver messo fine all’annuncio e all'inizio del suo progetto rivoluzionario di una nuova umanità. Il potere, primo quello religioso soddisfatto, tranquillizzato per la sua eliminazione, i discepoli fuggiti, sgomenti, delusi, senza più fiducia e speranza; un gruppo di donne, fra cui la madre Maria, molto addolorate però con l’animo aperto a “qualcosa” di positivo, depositato nel loro animo dalla persona di Gesù, dal suo amore straordinario.
Tanta gente indifferente.
Avviene lo straordinario.
Gesù non è più nel sepolcro, è vivo.
Non ci sono manifestazioni particolari, eclatanti a rivelarlo; è lui stesso che si incontra con loro: in modo discreto, in luoghi diversi: la stanza della cena, la strada, il luogo della sepoltura, la riva del lago; per loro inizialmente è difficile crederci, poi poco a poco, così è nella nostra vita, riprendendo la fiducia, la speranza che Lui comunica, il coraggio di annunciare e testimoniare la possibilità di una nuova umanità.
Gesù per il suo amore incondizionato è andato oltre la morte.
Come annunciare la Pasqua in mezzo a tante morti, a tanto dolore?
Cercando di mettere insieme amore, dolore e affidamento al Mistero di Dio che accoglie, riconosce, attribuisce valore e significato alla vita e alla morte di ogni persona.
E la risurrezione è anche nei tanti segni di vita e di speranza compiuti in questo tempo.

Guarda anche il video messaggio di Pierluigi

Nicoletta:
Buona Pasqua a tutti, anche se quest’anno non è stato vissuto con la profondità e la dedizione che si avrebbe dovuto; non mi è bastato partecipare alle celebrazioni trasmesse in tv o tramite il computer, non ho potuto concentrarmi quanto avrei voluto, perché le distrazioni nelle case fanno togliere lo sguardo e calare la concentrazione; voglio ringraziare la tecnologia che ha permesso di seguire certe celebrazioni, ma devo sottolineare, come catechista, che l’impegno nell’educazione dei bimbi del gruppo che accompagno, la mancanza degli incontri di catechismo, la partecipazione alla riflessione del Venerdì Santo, le Sante Messe, hanno reso meno sentita questa festa, ma prego il Signore che questo sia un momento transitorio e che si torni presto alla normalità. 

Dedico questa poesia augurando una serena e insolita Pasqua
Ho Sentito il Battito del Tuo Cuore! (di Madre Teresa di Calcutta)
Ti ho trovato in tanti posti, Signore.
Ho sentito il battito del tuo cuore
nella quiete perfetta dei campi,
nel tabernacolo oscuro di una cattedrale vuota,
nell'unità di cuore e di mente di un'assemblea
di persone che ti amano.
Ti ho trovato nella gioia,
dove ti cerco e spesso ti trovo.
Ma sempre ti trovo nella sofferenza.
La sofferenza è come il rintocco della campana
che chiama la sposa di Dio alla preghiera.
Signore, ti ho trovato nella terribile
grandezza della sofferenza degli altri.
Ti ho visto nella sublime accettazione
e nell'inspiegabile gioia di coloro
la cui vita è tormentata dal dolore.
Ma non sono riuscito a trovarti
nei miei piccoli mali e nei miei banali dispiaceri.
Nella mia fatica ho lasciato passare inutilmente
il dramma della tua passione redentrice,
e la vitalità gioiosa della tua Pasqua è soffocata
dal grigiore della mia autocommiserazione.
Signore, io credo. Ma aiuta la mia fede.

Giuseppe:
sento la necessità di sottolineare quanto siano importanti i gesti di oggi da compiere per USCIRE da questa situazione. Ormai i mass media ce lo ripetono ogni momento "dobbiamo restare a casa per proteggere noi e gli altri". Per chi invece è necessario uscire è obbligatorio, nei luoghi di promiscuità, indossare la mascherina di protezione. Di mascherine per proteggersi, come si sa, non se ne trovano abbastanza e allora ci consigliano di utilizzare quelle più facili da reperire in giro, le cosiddette "chirurgiche" o "di distanziamento sociale" che hanno la caratteristica non di proteggere se stessi ma bensì gli altri. E questo è ciò che voglio sottolineare: la particolarità del presupposto che se la
indosso proteggo gli altri i primis. Anche da questo gesto penso che si debba ripartire, dal compito che ognuno di noi ha ora (e purtroppo penso per ancora altre settimane): proteggere gli altri.
Ogni volta che la indosso mi sento incoraggiato perchè appunto penso "sto proteggendo gli altri". Non sempre chi incrocio la indossa o se ce l'ha forse non ha lo stessa mia visione ma non importa. Indossarla mi rafforza perchè lo faccio per gli altri.
Serena a Pasqua a tutti.

Arianna:
Non vorrei cadere nel banale e nella retorica, ma ho guardato la foto di un uomo piegato in avanti vestito di bianco, che si fa tramite per la nostra salvezza, sta pregando per questa pandemia che finisca presto, cosa stiamo capendo? Dovremmo essere più consenziosi, essere più umani, cosa ci resterà di questa situazione? Ci avrà fatto capire che siamo fortunati? Oppure quando tutto questo finirà, ritorneremo a lamentarci che non ci va bene niente?! Quell'uomo vestito di bianco e da solo, e sta cercando di salvarci, ci chiede ogni volta di pregare per Lui e di non lasciarlo da solo!
Questa Pasqua dovrebbe insegnarci che Noi siamo fortunati che siamo a casa.

Monica:
Pasqua è voce del verbo ebraico 'pèsah' , passare.
Non è festa per residenti, ma per migratori che si affrettano al viaggio.
Allora sia Pasqua piena per voi che fabbricate passaggi dove ci sono muri e sbarramenti,
per voi operatori di brecce,
saltatori di ostacoli,
corrieri a ogni costo,
atleti della parola Pace.
di Erri De Luca
Buona Domenica e buona Pasqua


Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org