Marcia Perugia - Assisi
Marcia Perugia - Assisi
Riflessioni

Ci uniamo domenica 10 ottobre tutte e tutti nel cammino per la pace e la fraternità fra i popoli e, anche se non in presenza, passo dopo passo compiamo il cammino da Perugia ad Assisi

Questa straordinaria iniziativa è iniziata il 24 settembre del 1961 promossa dal perugino Aldo Capitini filosofo, politico, antifascista, poeta ed educatore. Quest'anno è quindi la sessantesima edizione

Alcuni potrebbero considerarla un segno di scarsa incidenza data l'espansione delle condizioni di impoverimento, ingiustizia strutturale, violazione dei diritti umani, terza guerra mondiale a pezzi come ci ricorda Papa Francesco, crescenti disastri ambientali. 

Ma è più che mai necessario e importante proprio nelle situazioni difficili continuare a progettare un'umanità di giustizia e di pace raccogliendo in un immenso noi tutte le persone, i gruppi, i movimenti, le associazioni e le istituzioni che su tutta la faccia del Pianeta nei posti più noti e in quelli nascosti e sconosciuti esprimono con tenacia e perseveranza in concrete esperienze il progetto di un altro mondo molto più giusto e umano di questo anche nel ricordo di tante persone la cui vita è stata dedicata a questo fine; fra loro con particolare riconoscenza quest'anno Gino Strada. 

In questa considerazione generale di fondo si avverte sempre più l'urgenza di una riforma dell'ONU per l'assunzione di decisioni proprie per un governo mondiale con i processi necessari in un mondo sempre più interdipendente. Un progetto arduo sul quale l'Università dei diritti umani di Padova fondata da Antonio Papisca ha elaborato in modo significativo. 

Il tema della marcia di quest'anno è l’I Care di Barbiana: cioè il prendersi a cuore, assumere la responsabilità della cura. Si può proprio affermare che la dimensione fondamentale della cura può attribuire alla pace questo nuovo nome; la crescita di cultura, etica, politica della cura sono quanto mai indispensabili in continuità. Anche l'esperienza drammatica della pandemia lo ha evidenziato e continua a ribadirlo. Tutta l'umanità è nella medesima situazione con le evidenti disuguaglianze nella cura e ora nella vaccinazione. 

La cura è il contrario dell’indifferenza e peggio di ogni pregiudizio e discriminazione; è attenzione, vicinanza, coinvolgimento, sostegno, cammino comune, concreta prossimità: con le persone e nell’ interdipendenza planetaria con tutti gli esseri viventi. 

Cercare di essere e di diventare donne e uomini, giovani artigiani della pace significa crescere interiormente, scegliere la nonviolenza attiva, esprimere con forza la contrarietà alla produzione e al commercio delle armi, ad ogni guerra ; affermare i diritti umani per ogni persona, comunità e popolo, liberarsi da ogni pregiudizio, indifferenza, odio e violenza; essere attenti, accoglienti e vivere la concreta prossimità con chi si trova in situazioni di tribolazione, difficoltà, fatica; affermare l'importanza fondamentale per tutti della salute, del lavoro dignitoso e in sicurezza: è davvero sconcertante e molto dolorosa e inaccettabile la successione delle morti sul lavoro; ribadire ed attuare che la scuola è il processo formativo fondamentale; porre la massima attenzione e cura per tutte le espressioni della vita, per l'intero ambiente vitale, come i giovani come i giovani continuano con motivazioni documentate e profonde a pretendere. 

Tanti sono i maestri di pace uno certamente padre Balducci condannato nel 1963 dal Tribunale di Firenze per aver difeso un obiettore di coscienza.

 Sulla sua tomba nel cimitero di S. Fiora suo paese natale, alle pendici del monte Amiate scorrono alcune scritte, fra cui: “Gli uomini del futuro saranno uomini di pace o non saranno” nella duplice accezione: che si distruggeranno insieme all’ ambiente e che proprio per questo se non sono impegnati per la pace non sono degni di essere considerati umani. 

La Perugia- Assisi assume anche i cammini di pace vissuti in Friuli terra di guerre e terra di Pace come avevamo intitolato un importante convegno svoltasi a Udine nel maggio 1983 come Comitato friulano per la pace.

Il cammino continua ogni giorno per la costruzione della giustizia e della pace, per l'espressione concreta della cura. 

Ciascuna e ciascuno di noi è chiamato ad esserci.

Calendario
<< < dicembre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org