L’esilio, l’identità, il focolare: in viaggio con Sonya Orfalian nella cultura culinaria del Popolo Armeno
L’esilio, l’identità, il focolare: in viaggio con Sonya Orfalian nella cultura culinaria del Popolo Armeno
«La cucina d'Armenia. Viaggio nella cultura di un popolo»
Zugliano - Sala mons. Luigi Petris - giovedì 15 ottobre 2009, ore 20.30

Pochi ma buoni, come si dice: infatti l’atmosfera con il saluto introduttivo di Pierluigi, la conversazione di Sonya sostenuta da diapositive esplicative dell’Armenia e delle sue tradizioni e cultura – da cui il titolo – e le domande rivoltele dai presenti interessati, hanno creato un’atmosfera di intimità e amicizia quasi ci si trovasse in una accogliente cucina calda, colma di profumi di spezie del cibo in preparazione.

E proprio il cibo del quotidiano armeno e le ricette per prepararlo sono state d’ispirazione a Sonya per scrivere il suo libro unitamente al suo amore per quella terra degli avi che non ha mai potuto visitare..

Sonya Orfalian è scrittrice, traduttrice ed artista nell’arte della pittura. La sua scarna biografia che si legge sulla terza di copertina del suo libro ci dice che è nata in Libia, figlia ( e nipote) della diaspora iniziata dopo i massacri perpetrati dai Giovani Turchi nel 1915 ai danni di uomini, donne e bambini armeni cristiani che pacificamente avevano abitato l’Anatolia musulmana   fino al XIX secolo. Anche la famiglia del nonno paterno (e materno)  – Armeno di Turchia per intenderci  – ha dovuto lasciare la città di Urfa (da cui il suo cognome Urfa – Orfalian) e la terra degli  avi e cercare accoglienza altrove.  “Nella diaspora – ci dice Sonya -  la tradizione delle pietanze più diffuse nelle case armene si è paradossalmente conservata con maggior forza: era necessario, per poter sopravvivere malgrado tutto, conservare e tramandare il ricordo, rievocare i sapori e gli odori della casa d’infanzia, ripetere i gesti antichi delle nonne per mantenerli in vita. Anche la cucina della nostra casa – come per molte famiglie in esilio -  scrive –  era il luogo dove tutte le guerre e i risentimenti razziali avevano fine; il luogo in cui le pietanze di popoli in eterna lotta tra loro convivevano pacificamente.

“ Ed “…è per conservare e trattenere tutto ciò nella ripetizione dei gesti quotidiani della preparazione del cibo  e per evocare amorevolmente un intero universo famigliare al fine di non farlo svanire per sempre all’orizzonte della memoria” che Sonya, attraverso le ricette che ci ha proposto nel suo libro ci ha raccontato della sua famiglia, della famiglia tradizionale armena,  delle figure importanti che ne fanno parte, delle occasioni del cibo, delle feste; per sintetizzare, di quella millenaria, ricca e poco conosciuta cultura che è quella Armena che neanche IL GRANDE MALE - come loro chiamano il genocidio - mai riconosciuto da chi lo ha commesso, è riuscito a fiaccare e dissolvere.

E se il cibo è capace di unire in amicizia, nulla di meglio che una fetta di gubana e un buon bicchiere di vino bianco per chiudere degnamente una piacevole serata……..

Grazie Sonya!


Calendario
<< < luglio 2017 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org