In carcere: spazi di socializzazione culturale a Udine, Pordenone e Tolmezzo
In carcere: spazi di socializzazione culturale a Udine, Pordenone e Tolmezzo
Incontro pubblico - Ingresso libero
Centro Balducci - Sabato 30 aprile 2011, ore 15.00

"Una volta che conosciamo le nostre debolezze, esse cessano di farci del male" (Lichtenberg G.C)

Il Convegno è realizzato

nell’ambito
dei Progetti a favore di persone a rischio di esclusione sociale, nonché detenute ed ex detenute / Attività socio culturali a favore della popolazione in esecuzione penale nelle Case Circondariali di Udine, Pordenone, Tolmezzo, Gorizia

promossi e coordinati da
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

con il sostegno di
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

in collaborazione con il
Centro di Accoglienza e Promozione Culturale "E. Balducci"


coordina l’incontro

Mario Mirasola
giornalista e autore radio televisivo

INTRODUCE

Don Pierluigi Di Piazza
Centro di accoglienza E. Balducci
Siamo esseri umani

SALUTI ISTITUZIONALI

Massimo Blasone
Consigliere regionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Furio Honsell
Sindaco del Comune di Udine

INTERVENGONO

Francesco Macrì
Direttore della Casa Circondariale di Udine
I rapporti tra gli Enti locali e il Carcere

Silvia Della Branca
Direttore della Casa Circondariale di Tolmezzo
La cultura delle regole nell'era della sicurezza

Alberto Quagliotto
Direttore della Casa Circondariale di Pordenone
L’esperienza culturale nel carcere di Pordenone

Antonina Tuscano Monorchio
Direttore dell’Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Udine, Pordenone, Gorizia
Il laboratorio teatrale "Spazio Aperto" ambito trattamentale innovativo per l’utenza in esecuzione penale esterna

Alberto Bevilacqua
Presidente e co- direttore artistico del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
Proporre cultura in carcere: vent’anni di un’esperienza pilota in Regione

Maurizio Battistuta
Presidente dell’Associazione di Volontariato Penitenziario Icaro di Udine
L’azione culturale del volontariato e della comunità esterna

Presenta la proiezione del video

Michele Kohlhaas
Rita Maffei
Regista, attrice, co-direttore artistico del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG


Il video Michele Kohlhaas ideato dalla regista, attrice e co-direttore artistico del CSS Rita Maffei, interamente girato e realizzato assieme ad alcuni detenuti della Casa Circordiale di Udine verrà proiettato sabato 30 aprile al Centro di accoglienza Ernesto Balducci in occasione di un incontro pubblico (con inizio alle ore 15.00, a ingresso libero) che vuole porsi come un importante momento destinato alla sensibilizzazione della comunità civile sull'attuale situazione carceraria e sul Progetto di intervento culturale promosso e coordinato dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG nelle Case Circondariali di Udine, Tolmezzo e Pordenone da oltre venticinque anni.
 
Michele Kohlhaas (video selezionato al MedFilm Festival 2010 di Roma, sezione "Corti dalle carceri") nasce in particolare durante un'esperienza di Rita Maffei con i detenuti della Casa Circondariale di Udine, dove la regista ha più volte lavorato in questi anni conducendo laboratori di teatrali rivolti a chi vive la condizione carceraria nell'ambito del Progetto di Attività Socioculturali a favore della popolazione detenuta con cui la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia  - Direzione centrale della sanità e protezione sociale finanzia Progetti a favore di persone a rischio  di esclusione sociale, detenute ed ex detenute.
 
Partendo dal racconto paradigmatico di Heinrich von Kleist e dalla storia dell'allevatore di cavalli Michele Kolhaas che porta fino in fondo le conseguenze del suo desiderio di giustizia, il video testimonia alcune storie e racconti, anche personali e a volte autobiografici, in un riuscito cortocircuito con alcuni nodi drammatici della trama ottocentesca del  Michele Kolhaas, che in passato è stato anche alla base di uno degli spettacoli più riusciti dell'attore Marco Baliani.
"Ognuno dei partecipanti al mio laboratorio - spiega Rita Maffei -   ha scelto la parte del racconto di Kleist che desiderava interpretare, ma in modo tale da dare a ognuno l'opportunità di calarsi nel ruolo del protagonista.  Il protagonista di ogni sezione del racconto, oltre a interpretare Michele Kolhaas, ha poi scelto e preparato il set, il testo, l'inquadratura, dirigendo i compagni di scena, con indicazioni di regia e per la recitazione. Incrociando le proprie storie con quell'importante testo della letteratura tedesca, i partecipanti sono riusciti a cogliere i motivi simbolici e metaforici dei loro stessi racconti, scoprendo, attraverso la ricchezza della propria creatività, la semplicità di un grande classico e il gioco della messa in scena, la possibilità di esprimere se stessi e la forza del proprio mondo immaginario".

info: CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
33100 Udine Via Crispi, 65
tel. 0432 504765
info@cssudine.it / www.cssudine.it


Calendario
<< < settembre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org