DIGNUNO PER OPPORSI A GUERRA E NUCLEARE
DIGNUNO PER OPPORSI A GUERRA E NUCLEARE
Cronaca triestina del 43° giorno di digiuno a staffetta
Cronaca dell'8 maggio 2011

Scrive oggi il Comitato pace convivenza e solidarietà “Danilo Dolci” di Trieste:

"Tu non uccidere" e' il comandamento scritto in modo indelebile nel cuore di ogni persona, in ogni luogo e in ogni tempo della lunga storia dell'umanita'.
La guerra e' un assassinio di massa. La guerra e' contro il comandamento scritto nel cuore di ogni persona.
Tutti sanno che uccidere e' male. Tutti sanno che la guerra e' male.

Queste sono semplici verita', che hanno una forza in se', nel momento stesso in cui vengono dette. La nonviolenza e' forza della verita'.
Il digiuno che stiamo conducendo e' un gesto attivo di speranza, un fatto concreto contro la guerra e la sua preparazione; contro il nucleare che uccide presente e futuro.
Una Testimonianza itinerante per la pace si è tenuta ieri a Trieste, contro le guerre alle quali partecipa l'Esercito italiano in Afghanistan e in Libia. Un manifesto col ritratto di Vittorio Arrigoni, Operatore di pace in Palestina, è stato contrapposto all'angolo tra le vie S.Lazzaro e Ponchielli, al discutibile manifesto per la Mostra dell’Esercito italiano, intitolata "Obiettivo Pace".
Durante il successivo passaggio dinanzi a palazzo Gopčevič - sede dell'assessorato comunale alla cultura, e della mostra - è stata formulata un'espressa critica all'assenza di ogni riferimento nella stessa, ai bombardamenti e alla morte di civili causati dalle nostre operazioni "di pace".
È stata citata anche la cultura apertamente militarista e anticostituzionale che si sta affermando al Governo e negli Enti locali, dove coi soldi destinati al Volontariato si finanzia la mini-naja degli studenti, mentre si tolgono arbitrariamente i fondi anche al Servizio civile nazionale.
In Ponterosso sono state lasciate cadere in mare delle rose In memoria delle migliaia di Migranti lasciati affogare - anche ieri - nel canale di Sicilia.
Nella manifestazione svoltasi l'altro giorno per lo sciopero generale dichiarato dalla Cgil, ampio spazio è stato dedicato agli interventi dei Movimenti referendari sull'acqua e il nucleare, nonchè al tema della Pace con la proposta di tre obiettivi sul tema ai candidati alle elezioni. L'abolizione di Trieste e Capodistria dall'elenco dei porti nucleari militari. Un ruolo internazionale di pace per gli Enti locali. La formazione alla Nonviolenza attraverso il Lascito museale “de Henriquez”.
Sono più di 140 le e gli aderenti al digiuno "per opporsi alla guerra e al nucleare" promosso dal Movimento Nonviolento, fondato da Aldo Capitini cinquant'anni fa, dopo la prima Marcia per la pace da Perugia ad Assisi, che prosegue ininterrottamente dal 27 marzo scorso. Nuovi aderenti hanno annunciato la loro partecipazione, da Trieste a Palermo, da Torino a Venezia, da Verona a Bari.

A Trieste partecipano oggi Serena Pulcini, lunedì Rosaria Totino, martedì Serena Lapel, mercoledì Elisa Tessarotto. Giovedí digiunerà il consigliere regionale di Rifondazione comunista Igor Kocijančič.

Chi volesse partecipare al digiuno a staffetta o alla cinquantesima Marcia Perugia-Assisi, può comunicarlo al Comitato pace convivenza e solidarietà "Danilo Dolci" in via Valdirivo 30 nei giorni feriali dalle 17.00 alle 19.00, telefono 338 211 8453, e-mail comitatodanilodolci@libero.it.

I nomi dei partecipanti verranno pubblicati sul sito www.nonviolenti.org.

War is over  (John Lennon)


cronaca del 41° giorno


Calendario
<< < dicembre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org