DOMENICA 2 SETTEMBRE 2012 Vangelo Marco 7,1-8.14-15.21-23
02/09/2012
Scarica

DOMENICA 2 SETTEMBRE 2012
Coscienza e legge
Vangelo Marco 7,1-8.14-15.21-23

I farisei  e alcuni maestri della legge venuti da Gerusalemme si radunarono attorno a Gesù. Essi notarono che alcuni dei suoi discepoli mangiavano con mani impure, cioè senza averle lavate secondo l’uso religioso. Bisogna sapere che i farisei e in genere tutti gli ebrei rispettano la tradizione degli antichi: così non mangiano se prima non hanno fatto il rito di purificarsi le mani; e anche quando tornano dal mercato, non mangiano se non si sono purificati. Ci sono anche molte altre cose che essi hanno imparato a osservare: ad esempio, purificano i bicchieri, le stoviglie, i recipienti di rame e i letti. I farisei e i maestri della legge, dunque, chiesero a Gesù: “Perché i tuoi discepoli non obbediscono alla legge tramandata dagli antichi e mangiano con mani impure?”. Gesù rispose loro: “Il profeta Isaia aveva ragione quando parlava di voi. Voi siete degli ipocriti, come è scritto nel suo libro: Questo popolo- dice il Signore- mi onora a parole, ma il suo cuore è molto lontano da me. Il modo in cui mi onorano è senza senso perché insegnano come dottrina di Dio comandamenti che son fatti da uomini. Voi lasciate da parte i comandamenti di Dio per poter conservare la tradizione degli uomini. Poi Gesù chiamò di nuovo la folla e disse: “Ascoltatemi tutti e cercate di capire! Niente di ciò che entra nell’uomo dall’esterno, può farlo diventare impuro. Piuttosto, è ciò che esce dal cuore che può rendere impuro un uomo. Infatti dall’intimo, dal cuore dell’uomo escono tutti i pensieri cattivi che portano al male: i peccati sessuali, i furti, gli assassinii i tradimenti tra marito e moglie, la voglia di avere le cose degli altri, le malizie, gli imbrogli, le oscenità, l’invidia, la maldicenza, la superbia, la stoltezza…Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’uomo e lo fanno diventare impuro.

Il Vangelo di questa domenica (Marco 7,1-8.14-15.21-23) ci sollecita ancora una volta ad una riflessione fondamentale per la nostra vita personale, per le relazioni, per i rapporti nella società, con le istituzioni e le leggi.
Ci viene riproposta la questione permanente del rapporto fra coscienza e legge, fra le scelte delle persone singole e il bene comune; e come la Parola del Vangelo, senza confusione di piani, possa illuminare, orientare, verificare, rilanciare gli atteggiamenti più profondi, quelli che appunto attengono alla coscienza. Alcuni maestri della legge e farisei pongono a Gesù l'interrogativo sul perché alcuni dei suoi discepoli "non ubbidiscono alla legge religiosa dei padri e mangiano con mani impure", senza cioè averle lavate secondo l'uso religioso, che si concretizzava in altri, numerosi gesti di purificazione riguardanti anche bicchieri, stoviglie, letti...
La risposta di Gesù, che suona come una provocazione per loro, è attualissima anche oggi: "Il profeta Isaia aveva ragione quando parlava di voi. Voi siete degli ipocriti, come è scritto nel suo libro:-Questo popolo dice il Signore-mi onora a parole, ma nel suo cuore è molto lontano da me. Il modo in cui mi onorano non ha valore perché insegnano come dottrina di Dio comandamenti che sono fatti da uomini-. Voi lasciate da parte i comandamenti di Dio per poter conservare la tradizione degli uomini". E poi: "Niente di ciò che entra nell'uomo dall'esterno può farlo diventare impuro. Piuttosto è ciò che esce dal cuore che può rendere impuro un uomo...; tutti i pensieri cattivi che portano al male: i peccati sessuali, i furti, gli assassinii, i tradimenti fra marito e moglie, la voglia di avere le cose degli altri, le malizie, gli imbrogli, le oscenità, l'invidia, la maldicenza, la superbia, la stoltezza… Tutte queste cose cattive vengono fuori dall'uomo e lo fanno diventare impuro". Le leggi e le istituzioni dovrebbero sempre condensare le convinzioni e le aspirazioni di una comunità e di un popolo. Al proposito, si può indicare come esemplare la nostra Carta costituzionale, nata e strutturata seguendo ispirazioni e contenuti insieme pluralisti e condivisi per quelle situazioni irrinunciabili riguardanti la vita di tutti, il bene comune di un popolo intero: la libertà, il lavoro, l'istruzione, la salute.
Le leggi sono da legare sempre, inscindibilmente alla giustizia e alla verità, altrimenti possono diventare leggi dei forti contro i deboli, stabilire discriminazioni e razzismo: basti pensare alle leggi razziali del 1938 in Italia; senza verità, la legge diventa favoritismo a persone (leggi ad personam) e a gruppi, copertura della corruzione, dell'illegalità e dell'impunità. Non ci dovrebbe essere nessun disprezzo pregiudiziale verso la legge; questo atteggiamento tante volte rivela immaturità, incapacità di assumere l'impegno della solidarietà verso comuni obiettivi, scarsa o assente appartenenza alla comunità.
La parola di Dio può ispirare le leggi umane, ma è errato decidere di identificarla in leggi, istituzioni, partiti, proprio perché il Vangelo richiama sempre a quella ulteriorità e profondità che un assetto istituzionale, sempre riformabile, non può mai contenere. La profezia è oltre la legge, anche quando questa ne assume ispirazione.
Certamente è fondamentale una pedagogia permanente delle coscienze, perché non si diffondano l'individualismo capriccioso che fa del sè egocentrico il centro del mondo; perché, invece, ci si educhi al rapporto fra coscienza personale e bene comune; perché quando si esprime l'obiezione di coscienza, sia motivata da grandi ideali che richiedono maggior disponibilità e dedizione. Indimenticabile e permanente l'insegnamento di Don Lorenzo Milani: né anarchismo né conformismo ma coscienza critica e responsabile: "Posso solo dire ai ragazzi che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle, quando sono giuste, cioè quando sono la forza del debole. Quando invece, vedranno che non sono giuste, cioè quando sanzionano il sopruso del forte, essi dovranno battersi perché siano cambiate".
Calendario
<< < febbraio 2024 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29    
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - Centro di Accoglienza "E. Balducci" ODV ETS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org