DOMENICA 10 FEBBRAIO 2013 Vangelo Luca 5, 1-11
10/02/2013
Scarica

DOMENICA 10 FEBBRAIO 2013
I LUOGHI DELLA FEDE
Vangelo Luca 5, 1-11

Un giorno Gesù si trovava sulla riva del lago di Genèsaret. Egli stava in piedi e la folla gli si stringeva attorno per poter ascoltare la parola di Dio. Vide allora sulla riva due barche vuote: i pescatori erano scesi e stavano lavando le reti. Gesù salì su una di quelle barche, quella che apparteneva a Simone, e lo pregò di riprendere i remi e di allontanarsi un po’ dalla riva. Poi si sedette sulla barca e si mise ad insegnare alla folla.
Quando ebbe finito di parlare, Gesù disse a Simone: “Prendi il largo e poi gettate le reti per pescare”. Ma Simone gli rispose: “Maestro, abbiamo lavorato tutta la notte senza prendere nulla; però se lo dici tu, getterò le reti”.
Le gettarono, e subito presero una quantità così grande di pesci che le loro reti cominciarono a rompersi. Allora chiamarono i compagni che stavano sull'altra barca perché venissero ad aiutarli: essi vennero e riempirono di pesci le due barche a tal punto che quasi affondavano. Appena si rese conto di quel che stava accadendo, Simon Pietro si gettò ai piedi Gesù dicendo: “Allontanati da me, Signore, perché io sono un peccatore”. In effetti Pietro e i suoi compagni, Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, e tutti quelli che erano con lui erano rimasti sconvolti per la straordinaria quantità di pesci che avevano preso. Ma Gesù disse a Simone: “Non temere, d’ora in poi tu sarai pescatore di uomini”. Essi allora riportarono le barche verso riva, abbandonarono tutto e andarono con Gesù”.

Il Vangelo di questa domenica (Vangelo 5,1-11) ci presenta Gesù sulla riva del lago di Genazaret, in piedi, in mezzo alla folla che si stringe attorno a lui per ascoltare la Parola di Dio: cioè, una parola profonda che tocca il cuore, le coscienze, l'intelligenza; rivela noi stessi a noi stessi, il senso profondo delle relazioni con gli altri, con il danaro, il potere, le istituzioni, con Dio, con la religione; il senso ultimo della vita. C'è esigenza profonda di questa Parola, di poterla sentire direttamente negli itinerari su cui conduce lo Spirito anche in modo misterioso; c'è l'attesa che qualcuno ce l’annunci in modo autentico, veritiero, credibile. Gesù per l’annuncio non si trova in un luogo sacro, ma è all'aperto, sulla riva, dove nota due barche vuote, mentre i pescatori sono scesi e stanno lavando le reti; sale su una di quelle barche che appartiene a Simone e chiede la cortesia di riprendere i remi e di allontanarsi un po' dalla riva... "Poi si siede sulla barca e si mette ad insegnare alla folla".
Gesù di Nazareth insegna da una barca di pescatori, uno strumento di lavoro: questo è il suo "pulpito", questa la sua "liturgia"; importante infatti sono la sua persona e le sue parole di un insegnamento non calato dall'alto, non discendente, ma invece diretto al cuore e dalle coscienze, profondo, rivelativo, provocatorio, progettuale, esigente e consolante, riguardante il significato primo e ultimo del vivere, amare, soffrire e morire, in tutte le condizioni e situazioni, nello svolgersi delle storie umane.
Viene spontaneo il confronto con la preoccupazione nelle nostre chiese per i luoghi della lettura e dell'annuncio della Parola di Dio: che siano adeguati nella collocazione, rispondenti a determinati criteri nella forma, quasi che la qualità e i contenuti della lettura della Parola di Dio e del commento seguente siano garantiti dal luogo e dalla fattezza di quelli che si chiamano "ambone" e "pulpito", già termini sconosciuti anche a persone che frequentano le chiese e ancor più alle tante che non frequentano; mentre la barca, la strada, il monte, la casa, i luoghi in cui Gesù parla sono tutti e subito riconoscibili. Gesù, finito il suo insegnamento, invita Simone a prendere il largo e a gettare le reti per pescare. E quel pescatore del lago così risponde: "Maestro, abbiamo lavorato tutta la notte senza prendere nulla; però se lo dici tu, getterò le reti". Si tratta di un'esperienza da noi tutti conosciuta: dopo una dedizione importante e significativa, un impegno faticoso e riscontri piuttosto deludenti, fino alla tentazione dello scoraggiamento, si avverte proprio dal profondo l'esigenza di una presenza in cui riporre fiducia, a cui dare credito nel momento in cui ci dice: "avanti, abbi, abbiate fiducia, è importante continuare a crederci; ti indico, vi indico alcune esperienze, alcuni segni che possono incoraggiarti, incoraggiarvi...".
L'invito e incoraggiamento sollecitano e sostengono l'azione: questa volta la pesca è abbondante in modo sorprendente, tanto che le reti cominciano a rompersi e c'è bisogno dell'aiuto dei compagni pescatori: due barche vengono riempite di pesci, a tal punto che quasi affondano. Lo svolgersi della situazione porta Simon Pietro a riconoscere in quell'Uomo di Nazaret il Signore e a sentirsi di fronte a lui "peccatore", cioè uomo di poca fede. In realtà lui e i suoi compagni pescatori, Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo e tutti gli altri sono "sconvolti", cioè sbalorditi per la pesca straordinaria.
E Gesù gli dice:-“Non temere, d’ora in poi tu sarai pescatore di uomini.- Essi allora riportano le barche verso riva, abbandonano tutto e seguono Gesù”. "Pescatori di uomini", cioè in rapporto nuovo con le persone, per un progetto di una nuova umanità di attenzione, accoglienza, ascolto, giustizia, pace, disponibilità, gratuità. Gesù non è venuto a fondare una nuova religione istituzionalizzata, ma a rivelare una fede, un nuovo modo di essere, di sentire, di rapportarsi, di scegliere, sempre dentro alla storia, alla vita, alle storie delle persone, per renderle più umane, autenticamente umane.
Calendario
<< < settembre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org