DOMENICA 14 APRILE 2013 Vangelo Giovanni 21,1-19
14/04/2013
Scarica

DOMENICA 14 APRILE 2013
Condivisione e servizio
Vangelo Giovanni 21,1-19

In seguito Gesù si fece vedere di nuovo ai discepoli in riva al lago di Tiberiade. Ed ecco come avvenne: Simon Pietro, Tommaso detto Gemello, Natanaele (un galileo della città di Cana), i figli di Zebedeo e altri due discepoli di Gesù erano insieme. Simon Pietro disse: “Io vado a pescare”. Gli altri risposero: “Veniamo anche noi”; uscirono e salirono sulla barca. Ma quella notte non presero nulla. Era già mattina quando Gesù si presentò sulla spiaggia, ma i discepoli non sapevano che era lui. Allora Gesù disse: “Ragazzi, avete qualcosa da mangiare?”. Gli risposero: “No”. Allora Gesù disse: “”Gettate la rete dal lato destro della barca, e troverete pesce”. I discepoli calarono la rete. Quando cercarono di tirarla su non ci riuscivano per la gran quantità di pesci che conteneva. Allora il discepolo prediletto di Gesù disse a Pietro: “E’ il Signore!”. Simon  Pietro udì che era il Signore. Allora si legò la tunica intorno ai fianchi (perché non aveva altro addosso) e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece accostarono a riva con la barca, trascinando la rete con i pesci, perché erano lontani da terra un centinaio di metri. Quando scesero dalla barca, videro un fuocherello di carboni con sopra alcuni pesci . C’era anche pane. Gesù disse loro: “portate qui un po’ di quel pesce che avete preso ora”. Simon Pietro salì sulla barca e trascinò a terra la rete piena di centocinquanta tre grossi pesci. Erano molto grossi, ma la rete non s’era strappata. Gesù disse loro: “Venite a far colazione”. Ma nessuno dei discepoli aveva il coraggio di domandargli: “Chi sei?”. Avevano capito che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo distribuì; poi distribuì anche il pesce. Era la terza volta che Gesù si faceva vedere ai discepoli da quando era tornato dalla morte alla vita. Dopo mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: “Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di questi altri?”. Simone disse: “Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene”. Gesù replicò: “Abbi cura dei miei agnelli!”. Poi gli disse una seconda volta: “Simone, figlio di Giovanni, mi ami davvero?”. Simone gli disse: “Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene”. Gesù replicò: “Abbi cura delle mie pecore”. Una terza volta Gesù disse: “Simone figlio di Giovanni, mi ami davvero?”. Pietro fu addolorato che Gesù gli dicesse per la terza volta “mi ami tu?”. Rispose: “Signore, tu sai tutto. Tu sai che io ti amo”. Gesù disse: “Abbi cura delle mie pecore”. Quando eri più giovane , ti mettevi da solo la cintura e andavi dove volevi; ma io ti assicuro che quando sarai vecchio, tu stenderai le braccia, e un altro ti legherà la cintura e ti porterà dove tu non vuoi”.  Gesù parlò così per far capire come Pietro sarebbe morto dando gloria a Dio.  Poi disse ancora a Pietro: “Seguimi!”.

La riflessione di queste domeniche, oggi a partire dal Vangelo di Giovanni 21, 1-19, cerca di approfondire la questione cruciale che sempre ci interpella, del rapporto fra vivere e morire, fra vita e morte, fra tribolazioni e speranze, fra sfiducia e ripresa della fiducia.
E questa riflessione assume come riferimento del tutto speciale Gesù di Nazareth ucciso dal potere, dell'intreccio fra quello religioso, politico, legislativo, militare e resuscitato per il suo amore incondizionato, per la sua fedeltà al Padre e ai fratelli, vivente oltre la morte. Costituisce motivo di continua sorpresa constatare come nel Vangelo scopriamo i tratti delle nostre vicende umane e come in esse scorgiamo i tratti del Vangelo in una reciprocità commovente.
I Vangeli raccontano l'incontro di Gesù risorto con le donne e gli uomini suoi amici: proprio a questi momenti così sorprendenti, vissuti fra incertezze, dubbi, incredulità, ripresa di energia interiore e di speranza, loro attribuiscono il rinnovato coinvolgimento con la persona e il messaggio di Gesù nel superamento del dolore, dello smarrimento, della mancanza di speranza, dell'incapacità di guardare al futuro. Avvengono nei luoghi conosciuti e frequentati come il lago di Tiberiade dove alcuni di loro sono tornati a pescare. In questa giornata sono sette. Pietro prende il largo per la pesca seguito dagli altri. Ma in tutta la notte non prendono nulla. La fatica del lavoro senza alcun esito positivo viene quasi a confermare la situazione difficile che stanno vivendo a seguito dell'uccisione di Gesù. Alle volte, nelle nostre storie, pare che le difficoltà si sommino, che le fatiche con esito incerto e negativo, contribuiscano ad appesantirle e renderle più dolorose.
Di prima mattina, Gesù si presenta sulla riva, ma i discepoli non lo riconoscono, non sanno che è lui. Chiede loro qualcosa da mangiare e, dato che constata che non hanno nulla, li invita a gettare la rete dal lato destro della barca, perché vi troveranno pesce in abbondanza. La pesca in realtà è straordinaria e viene interpretata dal discepolo Giovanni che si rivolge a Pietro indicandogli la presenza e l'azione del Signore. Il riconoscimento deriva ora dall'aver creduto alla sua parola, nonostante la fatica inutile di tutta la notte; dalla conferma della fiducia corrisposta, non tradita. Nella nostra vita la ripresa da situazioni di tribolazioni e di sfiducia può iniziare quando noi confidiamo in una parola che ci invita a una presenza, ad un'azione, anche se interiormente avvertiamo una resistenza. Se quel credito di fiducia è poi seguito da un segno positivo, la fiducia stessa viene confermata e nutrita; essa stessa sollecita un nuovo dinamismo, come a Pietro che si getta in mare per andare incontro a Gesù.
Sulla riva del lago condividono fra loro pani e pesci che Gesù distribuisce. I discepoli non hanno coraggio di fargli domande; hanno capito che è il Signore, ma qualche titubanza interiore che permane li frena, quasi per paura di essere smentiti, per timore che non sia proprio e del tutto vero quello che stanno vivendo: cioè l'incontro con il loro maestro, il crocifisso ora vivo. E’ anche questa un'esperienza che conosciamo: il residuo dell'incertezza dopo una situazione difficile e dolorosa, pure sperimentando che un cambiamento positivo sta avvenendo.
Dopo aver condiviso il cibo, Gesù chiede per tre volte a Pietro se lo ama più degli altri; cioè, lo provoca riguardo all'intensità e alla profondità del rapporto e del coinvolgimento con lui. Pietro rimane addolorato per questa insistenza che in qualche modo lui interpreta come dubbio sulla sua dedizione; e dichiara il suo amore, la sua disponibilità. Gesù si raccomanda di pascere le pecore; poi una frase misteriosa intende far capire a Pietro come sarebbe morto, dando gloria a Dio. Avverrà con la crocifissione a Roma. Un testo, questo passaggio del Vangelo di Giovanni, storicamente controverso perché interpretato come fondamento del papato. Resta indubbia comunque, la prospettiva: questo potere è pensabile solo come un servizio utile e concreto, come ha detto anche papa Francesco, fino a dare la vita stessa.
Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org