DOMENICA 21 APRILE 2013 Vangelo Giovanni 10,27-30
21/04/2013
Scarica

DOMENICA 21 APRILE 2013
L’esempio di un buon pastore:
memoria viva del vescovo profeta e
poeta don Tonino Bello
Vangelo Giovanni 10,27-30

“Le mie pecore ascoltano la mia voce: io le conosco, ed esse mi seguono. E io gli do la vita eterna: esse non andranno mai in rovina. Nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti. Per questo nessuno può strapparle dalle sue mani. Io e il Padre siamo una cosa sola”.

“Le mie pecore ascoltano la mia voce: io le conosco, ed esse mi seguono. E io gli do la vita eterna: esse non andranno mai in rovina. Nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti. Per questo nessuno può strapparle dalle sue mani. Io e il Padre siamo una cosa sola”. Questo è il breve messaggio del Vangelo (Giovanni 10,27-30) che si legge e si medita in questa domenica nelle comunità cristiane.
L’immagine del pastore e delle pecore parlava in modo diretto agli abitanti dei villaggi della Palestina, data la pratica diffusa della pastorizia. Gesù di Nazaret è il pastore "bello", cioè ammirevole, buono ed esemplare; vive con le pecore, cioè sta in mezzo al popolo; conosce le pecore, cioè le persone perché le accoglie, le ascolta, vive la compassione del cuore per le loro situazioni, le guarisce, le perdona, infonde loro serenità e fiducia. Loro lo ascoltano, riconoscono la sua voce, lo seguono. La conoscenza di cui parla il Vangelo è quella dell'amore, della partecipazione, condivisione dell'animo e delle condizioni esistenziali.
Questa immagine del pastore buono diventa esemplare per tutti, in particolare per chi svolge un compito di guida e di responsabilità: genitori, educatori, insegnanti, medici, infermieri, politici, vescovi, preti, papa.
Si può essere credibili solo se si condivide, se si conosce nel senso più pieno profondo e ampio della parola, se si partecipa. Il 20 aprile del 1993, quindi vent'anni fa, è morto a Molfetta (Bari) don Tonino Bello, vescovo profeta e poeta, a causa di un tumore, a 58 anni: il 22 aprile sul molo di Molfetta, con il mare che si apre davanti, 50.000 persone di ogni condizione ed età partecipa con commozione, con 30 vescovi e trecento sacerdoti, al suo saluto. È stato eretto un grande palco di legno l’altare; nel colore della luce del tramonto la bara è come avvolta insieme all'icona di Maria compagna nella sofferenza e nell'agonia; sopra è collocato il Vangelo aperto: ha toccato il cuore del popolo, ha conquistato la fiducia dei semplici; ha compiuto una semina copiosa e profonda come educatore, pastore, annunciatore e testimone coerente di accoglienza, giustizia e pace. Quando è stato riportato ad Alessano, suo paese natale, c'è stata una grande festa di popolo, con 10.000 persone che gli si sono strette intorno, con fiori, colori e musica: "Bentornato, Tonino, grazie per la tua semplicità".
Un uomo, un credente, un vescovo, vero pastore: sempre in mezzo alla gente, con una immediatezza straordinaria; ha comunicato il rapporto fra la terra e il cielo; fra il mare, i sapori e i profumi e la spiritualità della vita. Non solo ha affermato l'importanza dell'accoglienza, ma aperto con coerenza il palazzo vescovile di Molfetta per ospitare persone senza casa; non solo ha annunciato la pace e non solo pregato per essa, ma insieme ha denunciato armi e guerre, ha contrastato l'ipotesi di basi militari in terra di Puglia; ha partecipato, già ammalato, nel dicembre del 1992 alla presenza di pace dei 500 nella martoriata Sarajevo. Ha testimoniato nella sua malattia la confidenza e l'affidamento al Dio di Gesù e a Maria.
Ha comunicato la sua fede profonda nelle riflessioni e nelle preghiere, vibrando nell'animo per l'attenzione alle persone, soprattutto a i poveri, e i deboli, agli ammalati, alle donne, agli stranieri, a coloro che più fanno fatica nella vita. Ha parlato della Chiesa del grembiule, cioè del servizio, come unico criterio per riconoscerla come segno del Vangelo. Ha vissuto in modo semplice e sobrio, facendosi sempre e solo chiamare "Don Tonino", si è dedicato senza risparmiarsi. Il suo pastorale è stato di legno di ulivo, dono dei suoi contadini; il suo anello di vescovo conteneva la fede nuziale della mamma. Nel cimitero di Alessano è sepolto nell'erba, accanto ad un ulivo; la tomba è circondata da una serie di gradini ad anfiteatro come a dire: venite, continuiamo il dialogo, la preghiera, l'impegno di accoglienza, giustizia e pace.
Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org