DOMENICA 28 LUGLIO 2013 Vangelo Luca 11,1-13
28/07/2013
Scarica

DOMENICA 28 LUGLIO 2013
LA PREGHIERA: NON BASTA, MA É INDISPENSABILE
Vangelo Luca 11,1-13

Un giorno Gesù andò in un luogo a pregare. Quando ebbe finito, uno dei suoi *discepoli gli disse: “Signore, insegnaci a pregare. Anche Giovanni lo ha insegnato ai suoi discepoli”. Allora Gesù disse: “Quando pregate, dite così: Padre, fa’ che tutti ti riconoscano come Dio, fa’ che il tuo regno venga. Dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano; perdonaci i nostri peccati perché anche noi perdoniamo a chi ci ha offeso, e fa’ che non cadiamo nella tentazione”. Poi disse loro: “Supponiamo che uno di voi abbia un amico e che a mezzanotte vada da lui e gli dica: “Amico, prestami tre pani, perché è arrivato da me un amico di passaggio e in casa non ho nulla da dargli”. Supponiamo pure che quello dall’interno della sua casa gli risponda:”Non darmi fastidio: la porta di casa è già chiusa; io e i miei bambini siamo già a letto. Non posso alzarmi per darti quello che vuoi”. Ebbene, io vi dico: se quel tale non si alzerà a dargli il pane perché gli è amico, lo farà dandogli tutto quello che gli occorre perché l’altro insiste. Perciò io vi dico: Chiedete e riceverete! Cercate e troverete! Bussate e la porta vi sarà aperta: perché tutti quelli che chiedono ricevono, quelli che cercano trovano e a quelli che bussano viene aperto. Se vostro figlio vi chiede un pesce, voi gli dareste un serpente? Oppure se vi chiede un uovo, voi gli dareste uno *scorpione? Dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli. A maggior ragione Dio, vostro Padre, darà lo *Spirito Santo a quelli che glielo chiedono”.

Si potrebbe affermare, ascoltando le storie di tante persone, che non basta pregare e che nello stesso tempo è indispensabile pregare.
Tante persone, di diversa fede religiosa, pregano personalmente e comunitariamente, mettendo in relazione la storia e la trascendenza, le vicende personali e la presenza di Dio in cui si fida, a cui ci si affida.
La preghiera non è una fuga dalla realtà, ma la sua assunzione e riproposta nelle diverse condizioni: per questo può esprimere gratitudine per l’amore, l’amicizia, la fede, la speranza, le esperienze positive; e anche l’invocazione, non perché Dio sostituisca la nostra responsabilità, ma per essere aperti , coinvolti dalla luce, dalla forza interiore, dal coraggio, dalla disponibilità che possono venirci da lui e sollecitarci alla nostra responsabilità, alla nostra dedizione, al nostro impegno.
E ancora più esprimere l’affidamento a Dio, per noi al Dio di Gesù; è la dimensione interiore, radicale della fede che si nutre della intuizione ed esperienza che la nostra vita non è trascurata e abbandonata, sconfitta e dimenticata, ma sempre e comunque accolta, riconosciuta, valorizzata da Dio, anche nel passaggio così concreto e misterioso della morte. E ancora la preghiera diventa interrogativo, dibattito, anche aspro con Dio rispetto alle ingiustizie, alle violenze, alle morti ai dolori incomprensibili della vita…La preghiera prima di diventare parole personali e comunitarie, canti e liturgie è silenzio e vibrazione dell’anima; anche quando è personale non è mai individuale perché sempre abitata da volti, nomi, sorrisi, lacrime, dolori, angosce, speranze…Il vangelo di questa domenica (Luca 11, 1-13) ci ripropone la preghiera per eccellenza, le parole che Gesù stesso ci ha insegnato, richiesto da uno dei discepoli che può ben rappresentare ciascuna e ciascuno di noi “Signore , insegnaci a pregare”.
L’invito è a rivolgersi insieme, al plurale a Dio come a un Padre amorevole e affettuoso che unisce, non separa, non divide l’umanità: “Padre nostro”.
“Che tutti ti possano riconoscere Dio”: è un auspicio non dogmatico, non di proselitismo, bensì di coinvolgimento di ricerca, di tensione verso la profondità e il mistero.
“Fa che il tuo Regno venga”: il Regno è l’umanità di verità, di amore, di giustizia, di accoglienza, di pace, di fratellanza; esprimere questa invocazione significa coinvolgersi nell’impegno per affrettarne la venuta, la realizzazione.
“Dacci ogni giorno il pane necessario”: è la prospettiva dell’anticapitalismo, della liberazione dell’assoluto del mercato, dell’avere, dell’accumulare…
È la preghiera che spinge alla giustizia, alla uguaglianza, alla condivisione, alla concerta affermazione del diritto al cibo, all’acqua, all’istruzione, al lavoro, alla salute, a una vita degna.
“Perdonaci i nostri peccati perché anche noi perdoniamo a chi ci ha offeso”: sentirsi accolti, ascoltati, capiti, incoraggiati da Dio con i nostri limiti, fragilità, debolezze, errori, ci istruisce e ci rende sensibili a viver altrettanta disponibilità e uguale incoraggiamento verso gli altri.
“E fa che non cadiamo nella tentazione”: la tentazione più grave è la perdita della fiducia e della speranza, della prospettiva, del coraggio, della disponibilità. Dio ci sostiene e ci incoraggia purché ci accogliamo e incoraggiamo reciprocamente.
Calendario
<< < ottobre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org