DOMENICA 1 SETTEMBRE 2013 Vangelo Luca 14, 1. 7-14
01/09/2013
Scarica

DOMENICA 1 SETTEMBRE 2013
CIBO CONDIVISO: LA CONVIVIALITÀ DELLE DIFFERENZE
Vangelo Luca 14, 1. 7-14

Un giorno Gesù era a pranzo in casa di un capo dei farisei. I presenti lo osservavano attentamente perché era sabato. Gesù osservava che alcuni invitati sceglievano volentieri i primi posti. Per loro raccontò questa parabola: «Quando sei invitato a nozze, non occupare i primi posti, perché potrebbe esserci un invitato più importante di te: in questo caso lo sposo sarà costretto a venire da te e dirti: “Cedigli il posto”. Allora tu, pieno di vergogna, dovrai prendere l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato a nozze, va’ a sederti all’ultimo posto. Quando arriverà lo sposo, ti dirà: “Vieni amico! Prendi un posto migliore”. E questo sarà per te motivo di onore di fronte a tutti gli invitati. Ricordate: chi si esalta sarà abbassato; chi invece si abbassa sarà innalzato! ». Poi Gesù disse a colui che lo aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici e fratelli, i tuoi parenti e i ricchi che abitano vicino a te: essi infatti hanno la possibilità di invitarti a loro volta a casa loro e tu, in questo modo, hai già ricevuto la tua ricompensa. Invece, quando offri un banchetto, chiama i poveri, gli storpi, gli zoppi e i ciechi. Allora avrai motivo di rallegrarti, perché questi non hanno la possibilità di ricambiarti l’invito; Dio stesso ti darà la ricompensa alla fine, quando i giusti risorgeranno ».

Il vescovo brasiliano, di origini spagnole, don Pedro Casaldaliga anziano e ammalato, profeta  e poeta  straordinario in tutta la sua vita, ha affermato che “ tutto è relativo fuorché Dio e la fame.”
Non a caso quindi Gesù di Nazaret ha raccomandato di ricordare la sua presenza e il suo insegnamento nella nostra vita e nella storia dell’umanità rendendosi presente nel pane e nel vino dell’Eucarestia che le comunità  celebrano come segno di giustizia e di fraternità e come impegno a realizzare queste realtà fondamentali per la storia delle persone, delle comunità, dei popoli del Pianeta.
Siamo molto, molto lontani, se tanta parte dell’umanità soffre impoverimento e fame; se purtroppo si devono registrare, a cominciare dai bambini, migliaia di uccisioni per fame giorno dopo giorno.
Il cibo e l’acqua sono indispensabili per la vita. Il cibo condiviso nel momento in cui è nutrimento è anche segno di condivisione della vita, di amore, di amicizia, di fratellanza; è espressione del rapporto con la madre terra, con le coltivazioni, con il trattamento dei prodotti; e ancora dell’arte del preparare il cibo per la mensa: una vera e propria espressione della cultura.
Sedersi attorno a una tavola da quella di famiglia a quella di una comunità, può esprimere diverse situazioni: di ricchezza, di lusso, di separatezza, di privilegio, di esagerazione e di spreco, o di condivisione semplice, discreta, festosa. Attorno ad una tavola imbandita si possono decidere i progetti più ingiusti e spietati, o invece condividere le dimensioni della vita più semplici e profonde e sentire come la condivisione del cibo unisce in modo più profondo, per progetti di giustizia, uguaglianza e fratellanza.
Il Vangelo di questa domenica (Luca 14, 1. 7-14) ci presenta Gesù a pranzo in casa di uno dei capi dei farisei; lui non rifiuta gli inviti; l’incontro con le persone  diventa occasione di insegnamento. Osserva come alcuni invitati scelgono volentieri i primi posti per riceverne importanza, e così si espongono alla possibilità della mortificazione di essere retrocessi; invita a comportarsi diversamente e a scegliere in una festa di nozze gli ultimi posti per essere poi invitati ad occuparne altri più vicini agli sposi.
Non si tratta di osservazioni di galateo, tutt’altro; è un invito a riflettere sul protagonismo effimero, da bolle di sapone, come ha detto papa Francesco a Lampedusa, da illusioni basate sull’effimero, da una pretesa importanza  esteriore priva di contenuti e di qualità. E poi Gesù prospetta l’orizzonte di una nuova umanità attorno ad una grande tavola. Offrire un pranzo o una cena ad amici che poi ricambieranno è una consuetudine.
Ma offrirli ai poveri, agli zoppi, ai ciechi risponde ad progetto di una nuova umanità dove il cibo non è motivo di separazione e divisione fra ricchi e poveri, donne e uomini; bambini, adulti e anziani; malati, disabili, sofferenti psichici; omosessuali e transessuali; carcerati, persone immigrate da diversi luoghi del Pianeta che portano i loro cibi, così che cibi diversi si mescolano a concretizzare la convivialità delle differenze culturali e religiose. Ecco l’immagine di una immensa tavola attorno a cui ci si siede con la libertà e la serenità della condivisione; su cui in mezzo ad altri cibi ci sono anche quelli preparati con i prodotti di Libera sui terreni confiscati alle mafie e hanno un sapore speciale, inconfondibile: quello della giustizia.

Calendario
<< < giugno 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org