DOMENICA 1 Maggio 2016 Vangelo Giovanni 14,23-29
01/05/2016
Scarica

DOMENICA 1° MAGGIO 2016
Esortazioni significative per la vita
Vangelo di Giovanni 13, 31-35

Gesù rispose: - Se uno mi ama, metterà in pratica la mia parola, e il Padre mio lo amerà. Io verrò da lui con il Padre mio e abiteremo con lui. Chi non mi ama non mette in pratica quello che dico. È la parola che voi udite non viene da me ma dal Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono con voi. Ma il Padre vi manderà nel mio nome un difensore: lo Spirito Santo. Egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quel che ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. La pace che io vi do non è come quella del mondo: non vi preoccupate, non abbiate paura. Avete sentito quel che vi ho detto prima: Me ne vado, ma poi tornerò da voi. Se mi amate, dovreste rallegrarvi che io vada dal Padre, perché il Padre è più grande di me. Tutto questo ve l'ho detto prima, perché quando accadrà abbiate fede in me.

L'esperienza della vita ci ricorda le raccomandazioni e le esortazioni che abbiamo comunicato e ricevuto in momenti particolarmente significativi della vita: all'inizio di un progetto, di un'esperienza, al momento di una decisione importante, della partenza per un viaggio. 
Il Vangelo di questa domenica (Giovanni 14,23-29) riporta alcune raccomandazioni e promesse che Gesù comunica ai suoi discepoli. Prima di tutto evidenzia loro come il riferimento a lui non possa restare nella genericità, nello spiritualismo astratto, ma debba invece diventare pratica della vita: "Se uno mi ama, metterà in pratica la mia parola e il Padre mio lo amerà. Chi non mi ama non mette in pratica quello che dico". 
Le parole esprimono profondità e verità e diventano credibili quando sono confermate nelle decisioni e nello stile di vita. Nel caso contrario restano vuote, predicatorie soprattutto non credibili. Nella vita di Gesù di Nazareth parole e concretezza si sono confermati reciprocamente in continuità. Papa Francesco è credibile perché le sue parole trovano corrispondenza e attuazione nel suo stile di vita.
Un'altra esperienza esistenziale, da noi subito riconoscibile, è l'esigenza che qualcuno attivi in noi la memoria delle dimensioni fondamentali della vita perché non prevalgano sufficienza, conformismo, superficialità, assuefazione: "Vi ho detto queste cose mentre sono con voi. Ma il Padre vi manderà in mio nome un difensore: lo Spirito Santo. Egli insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che ho detto". 
E’ la necessità di un risveglio continuo della sensibilità del cuore e dell'attenzione della coscienza riguardo la questione dirimente della pace: "Vi lascio la pace, vi do la mia pace. La pace che io vi do non è come quella del mondo". 
La pace è dono di Dio e comporta l'immediata assunzione di responsabilità ed impegno. Coinvolge la dimensione spirituale più profonda nella liberazione continua da aggressività e inimicizie, esige la diffusione della cultura della pace con l'accoglienza e la convivenza delle differenze, provoca la politica e le istituzioni a liberarsi dalla convinzione che siano le armi e le guerre gli strumenti necessari per la risoluzione dei conflitti tra comunità e popoli e non invece la diplomazia intelligente, la cooperazione degna di questo nome, senza ambiguità e ricerca di vantaggi. E Gesù ancora esorta e incoraggia : "Non vi preoccupate, non abbiate paura".
Le preoccupazioni e le paure sono diverse e diffuse in questo momento così complesso e problematico. 
La fede dell'affidamento al Signore non le cancella in modo magico ma può favorire in modo significativo la convivenza con esse e anche il loro superamento, e questo nel nostro percorso personale e nell’incontro significativo con persone ed esperienze da cui ci provengono attenzione, considerazione, fiducia, speranza. 
Il modo migliore per convivere con preoccupazioni e paure è la rimozione delle cause da cui sono generate, con risposte iniziali e progressive, concrete ed efficaci. 
Il Vangelo, come sempre scopriamo, è intrecciato con le situazioni della nostra vita; passare dalla vita al Vangelo e dal Vangelo alla vita è fonte di luce, orientamento, verifica e conforto.


Calendario
<< < ottobre 2020 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org