DOMENICA 8 Maggio 2016 Vangelo Luca 24, 46-53
08/05/2016
Scarica

DOMENICA 8 MAGGIO 2016
Ascensione del Signore fra Terra e Cielo
Vangelo di Luca 24, 46-53

Poi aggiunse: 'Così sta scritto: il Messia doveva morire, ma il terzo giorno doveva risuscitare dai morti. Per suo incarico ora deve essere portato a tutti i popoli l'invito a cambiare vita e a ricevere il perdono dei peccati. Voi sarete testimoni di tutto ciò cominciando da Gerusalemme. Perciò io manderò su di voi lo Spirito Santo, che Dio, mio Padre, ha promesso. Voi però restate nella città di Gerusalemme fino a quando Dio non vi riempirà con la sua forza'. Gesù sale verso il cielo. Poi Gesù condusse i suoi discepoli verso il villaggio di Betània. Alzò le mani sopra di loro e li benedisse. Mentre li benediceva si separò da loro e fu portato verso il cielo. I suoi discepoli lo adorarono. Poi tornarono verso Gerusalemme, pieni di gioia. E stavano sempre nel Tempio lodando e ringraziando Dio.

La memoria è la festa dell'Ascensione del Signore ci coinvolge in una riflessione profonda sulla direzione e sul senso del nostro camminare nella storia; su quale sia il significato del nostro vivere, relazionarci, amare, dedicarci, attenuare e poi riprendere la speranza, soffrire e morire nel modo più umano possibile.
La questione di fondo, dirimente ogni altra è questa: qual è il nostro progetto di umanità, l'ideale, il sogno per il futuro?
Le risposte veramente umane riguardano: giustizia, diritti umani uguali per tutti, democrazia, libertà, possibilità di istruirsi, di curarsi, non violenza attiva, costruzione della pace, accoglienza, convivenza delle diversità, salvaguardia dell'ambiente vitale.
Gesù di Nazaret è venuto e si è incarnato nella storia per annunciare e praticare questa nuova umanità: il suo messaggio è sempre rivoluzionario e comunica la forza per partecipare attivamente a questo grande progetto.
Gesù di Nazareth dopo la sua morte violenta e la sua risurrezione è "rientrato", per così dire, nel Mistero di Dio. Per descrivere questo evento reale e misterioso gli Atti degli Apostoli e i Vangeli si rifanno al linguaggio e ai simboli propri del tempo e quindi descrivono l'ascensione al cielo, la nube, gli angeli e, un momento prima, le parole di commiato di Gesù che di fatto comportano l'invio per l'annuncio e la testimonianza della buona notizia del Vangelo a tutta l'umanità.
Ora l'impresa è immensa per la vastità, i tempi lunghi, le situazioni drammatiche che si ripresentano in continuità, basti pensare alle guerre.
Pare si possano registrare questi atteggiamenti, dato anche che le vicende personali si intrecciano con quelle globali e che le nostre storie personali sono inserite, sono parte della storia di tutta l'umanità (Vangelo di Luca 24, 46-53)  .
C'è la posizione di chi non si lascia coinvolgere dalla disponibilità e dall'impegno, preoccupandosi solo della sua vicenda personale, familiare, di piccolo gruppo dentro alla storia ma di fatto estraniandosi da essa. 
C'è chi si coinvolge profondamente, s'impegna, lotta con forza e coraggio per tutta la vita e diventa esemplare.
C'è chi profonde un grande impegno e sogna che i risultati si concretizzino in tempi brevi e in modo evidente; la sconferma e la delusione diventano un freno e alle volte anche un ritiro e un abbandono.
Pare di capire che con l'esplicita ispirazione al Vangelo di Gesù o senza un riferimento diretto ad essa l'atteggiamento più maturo e sapiente sia quello di chi vive la pazienza attiva come virtù della rivoluzione quotidiana: la presenza e il nutrimento dell'ideale fanno sì che anche dentro alla complessità intensa, di fronte a sconferme e delusioni si continui ad agire con resistenza e perseveranza.
Certo pare davvero fondamentale ispirarsi, guardare in alto, al cielo per trovare la forza di camminare con i piedi ben piantati sulla terra. Si può ridire questa affermazione così significativa: "Non c'è cielo senza terra" perché si tratterebbe di una fuga dalla realtà, ma ugualmente: "Non c'è terra senza cielo", cioè non può esserci terra umana senza ispirazione  e frequentazione della profondità.


Calendario
<< < agosto 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org