DOMENICA 4 Febbraio 2018 Vangelo Marco 1, 29-39
04/02/2018

DOMENICA 4 FEBBRAIO 2018
Riflessione, preghiera, premura e cura
Vangelo di Marco 1, 29-39

Subito dopo, uscirono dalla sinagoga e andarono a casa di Simone e di Andrea, insieme con Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto, colpita dalla febbre. Appena entrati, parlarono di lei a Gesù. Egli si avvicinò alla donna, la prese per mano e la fece alzare. La febbre sparì ed essa si mise a servirli.
Verso sera dopo il tramonto del sole, la gente portò a Gesù tutti quelli che erano malati e posseduti dal demonio. Tutti gli abitanti della città si erano radunati davanti alla porta della casa. Gesù guarì molti di loro che soffrivano di varie malattie e scacciò molti demòni. E poiché i demòni sapevano chi era Gesù, egli non li lasciava parlare. Il giorno dopo Gesù si alzò molto presto, quando ancora era notte fonda, e uscì fuori. Se ne andò in un luogo isolato, e là si mise a pregare. Ma Simone e i suoi compagni si misero a cercarlo, e quando lo trovarono gli dissero:- Tutti ti cercano! Gesù rispose:- Andiamo da un'altra parte, nei villaggi vicini, perché voglio portare il mio messaggio anche là. Per questo infatti ho lasciato Cafàrnao.
Viaggiò così per tutta la Galilea predicando nelle sinagoghe e scacciando i demòni.

In questo straordinario Gesù di Nazaret riconosciamo le dimensioni più autentiche e profonde della nostra vita.
In particolare tre di esse ci vengono proposte nel racconto del Vangelo (Marco 1,29-39) di questa domenica. Per una sorta di percorso pedagogico si può partire dall’ultima che il Vangelo descrive come fondamento delle riflessioni, delle parole e delle azioni.
Gesù si alza molto presto, quando è ancora notte fonda ed esce per recarsi in un luogo isolato per mettersi a pregare.
E’ l’isolamento necessario dall’attivismo, dal ritmo frenetico, dallo stordimento delle situazioni, dalla superficialità e dal pressapochismo, dall’intensità del lavoro, dall’insistere delle preoccupazioni e degli affanni.
Soli con se stessi in modo veritiero, nel silenzio non vuoto, bensì abitato, interlocutorio e significativo; nella contemplazione e dialogo con l’ambiente che ci circonda. Soli nella preghiera come profondità dell’animo, non necessariamente verbale; come stare con la nostra vita in presenza del Mistero, della Presenza di Dio per ringraziare, invocare, affidarsi.
Una solitudine positiva, amica, feconda, rigeneratrice.
La seconda dimensione è l’immersione di Gesù di Nazaret nella sofferenza dell’umanità: la gente “gli porta tutti quelli che sono malati e posseduti dal demonio”; lui guarisce molti di loro che soffrono di malattie diverse e scaccia molti demoni”.
Le malattie e le sofferenze riguardano gli aspetti fisici, psicologici, relazionali; sono da considerare, ad esempio, malattie come il cancro, l’Alzheimer, il Parkinson, quelle psichiche, dell’animo come l’angoscia; anche l’aggressività e la violenza nei confronti delle persone, di cui sono protagonisti anche i giovanissimi e che si concentrano in modo vasto e drammatico nelle armi e nelle guerre, di cui gli adulti fabbricanti e commercianti sono interessanti protagonisti senza scrupoli.
Vivere la vicinanza, la compassione, la premura e la cura come Gesù è esperienza quotidiana di tante persone a cominciare dai medici e dagli infermieri, agli operatori dell’accoglienza nelle comunità.
Pare che in questa società ci sia un malessere diffuso più di quanto solitamente si ritiene, che spesso non è evidente, se non quando si manifesta in situazioni drammatiche.
Stare in mezzo alle persone, cercare di alleviare la sofferenza, fare il possibile per superare il dolore porta a considerare e a praticare in ogni modo possibile la prevenzione.
La terza dimensione propostaci dal Vangelo è l’atteggiamento di Gesù nella quotidianità.
Entra in casa di Simone e Andrea insieme a Giacomo e Giovanni ed è informato della malattia della suocera di Simone, a letto con la febbre.
“Si avvicina alla donna, la prende per mano, la fa alzare. La febbre sparisce e lei si mette a servirli”.
In casa, non in pubblico; fra poche persone, non in mezzo alla folla; il rapporto con una donna così semplice con la febbre… .
Gesù esprime l’attenzione, la premura e la cura che vive nei confronti di ogni oersona. E’ interessante riflettere se noi ci comportiamo con tutte le persone con la stessa attenzione e premura, considerando solo la loro dignità, non quale sia la loro situazione e condizione esistenziale.
Lo è particolarmente se riferito a persone che teoricamente nella società, nella Chiesa e nella politica dichiarano in modo retorico e poi, se si trovano di fronte a una persona piccola, povera, marginale, sofferente psichica, considerata “diversa”, non mostrano alcuna attenzione, ma anzi supponenza e distanza. Un esempio positivo al riguardo quello di papa Francesco che nel suo ultimo viaggio scende dalla macchina per soccorrere una donna della polizia caduta da cavallo.

Calendario
<< < aprile 2024 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - Centro di Accoglienza "E. Balducci" ODV ETS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org