DOMENICA 19 Agosto 2018 Vangelo Giovanni 6, 51-58
19/08/2018

DOMENICA 19 AGOSTO 2018
GESÙ’ CI COINVOLGE A VIVERE IN MODO UMANO 
Vangelo di Giovanni 6, 51-58

Io sono il pane, quello vivo, venuto dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà per sempre. Il pane che io gli darò è il mio corpo, dato perché il mondo abbia la vita. Gli avversari di Gesù si misero a discutere tra di loro. Dicevano:- Come può darci il suo corpo da mangiare? Gesù replicò:- Io vi dichiaro una cosa: se non mangiate il corpo del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia il mio corpo e beve il mio sangue ha la vita eterna, e io lo risusciterò l'ultimo giorno; perché il mio corpo è vero cibo e il mio sangue è vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane unito a me e io a lui. Il Padre è la vita: io sono stato mandato da lui e ho la vita grazie a lui; così, chi mangia me avrà la vita grazie a me. Questo è il pane venuto dal cielo. Non è come il pane che mangiarono i vostri antenati e morirono ugualmente; chi mangia questo pane vivrà per sempre.

Continua il lungo approfondimento nel quale Gesù di Nazaret cerca di coinvolgere le persone che, dopo l’esperienza inattesa e straordinaria della condivisione dei pani e dei pesci, sono ritornate a cercarlo in modo opportunistico, senza predisporsi per nulla a diventare loro stesse promotrici di condivisione e solidarietà (Vangelo di Giovanni 6, 51-58).
Può essere per noi di grande insegnamento questo metodo pedagogico di Gesù della riflessione pacata e dell’approfondimento dei diversi aspetti in un modo in cui i twitter si rincorrono, le polemiche strumentali portano a scontri in cui sono assenti le riflessioni; in cui a una battuta si risponde con un’altra, in attesa delle prossime.. .
I pani e i pesci che Gesù ha portato a condividere vengono rapportati al pane che è lui stesso venuto a insegnare a condividere il pane e insieme a sfamare le domande di fondo sul senso della vita, su quali siano le dimensioni e qualità che rendono una vita umana significativa.
Questa è l’espressione: “Se non mangiate il corpo del Figlio dell’Uomo e non bevete il suo sangue non avete in voi la vita...perché il mio corpo è vero cibo e il mio sangue è vera bevanda”.
Non si tratta del riferimento all’Eucarestia chiusa nelle celebrazioni, nei tabernacoli e nelle chiese ma all’Eucarestia che rende presente la vita, le parole, le azioni di Gesù e coinvolge a riproporle attivamente nella storia di oggi: a costruire convivenza pacifica, fraternità e pace.
Il corpo e il sangue esprimono la vita e Gesù che “è stato colui che è vissuto totalmente per gli altri” come ci ha indicato Bonhoeffer, il pastore luterano impiccato dai nazisti; per la sua opposizione attiva al loro progetto di sterminio; per questo suo amore totale e sovversivo è entrato in conflitto con la religione del tempio, con i suoi funzionari e con le classi dirigenti ed è stato arrestato e processato, torturato ed ucciso”.
“Mangiare il suo corpo e il suo sangue” significa nutrirsi del suo amore, sentirsi profondamente coinvolti dal suo essere, relazionarsi, parlare, agire, soprattutto vivere relazioni di accoglienza con tutte le persone, superando i muri di discriminazione, divisione, avversione e rifiuto.
E’ da chiedersi come sia possibile partecipare all’Eucarestia, vivere la comunione e poi sentirsi parte, condividere il pensiero negativo diffuso contro gli altri diversi, in particolare contro i migranti, e fra essi, in particolare contro i neri, come sia possibile partecipare a questo degrado dell’umanità.
Tanti parlano con una dimensione pulsionale, irrazionale. Più ancora stanno zitti e così confermano che quelle parole razziste si possono dire, anzi sono legittime. E in questo contesto si colpiscono ripetutamente le persone.
Gesù da la sua vita perché avvenga proprio l’opposto. In realtà non si può essere cristiani e indifferenti, xenofobi e razzisti: sono dimensioni totalmente contrapposte. Vangelo, spiritualità incarnata, cultura e buone pratiche di accoglienza sono la strada da seguire.


Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org