DOMENICA 5 Maggio 2019 Vangelo Giovanni 21,1-14
05/05/2019

DOMENICA 5 MAGGIO 2019
Riprendere la speranza
Vangelo di Giovanni 21,1-14

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l'alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.
Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po' del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

Si può pensare che la speranza sia la dimensione più richiesta nelle nostre vite, specialmente nelle situazioni di dolore, di smarrimento, di conferma del male nelle sue diverse manifestazioni: violenze, guerre, atti di terrorismo; ancora nelle situazioni in cui i grandi ideali di giustizia, uguaglianza, libertà, fratellanza, pace vengono calpestati; quando lo sono i diritti umani fondamentali e inviolabili; quando subentra un senso di scoraggiamento e di impotenza e l’impegno a lungo profuso con disponibilità pare non abbia riscontri ed esiti positivi. 
Come si possono riprendere fiducia, speranza, coraggio? Da chi e da dove attingere la forza interiore?
Il Vangelo di questa domenica ci propone un percorso (Giovanni 21, 1-14).
Un gruppo di sette discepoli ancora addolorati, delusi e ripiegati su se stessi dopo la fine tragica di Gesù sono ritornati sulla riva del lago di Tiberìade. Hanno già incontrato Gesù risorto quando erano rinchiusi in gruppo, ma la loro ripresa è faticosa e lenta, come avviene nelle nostre storie, in quelle delle comunità e dei popoli. 
Gesù la mattina si presenta sulla riva, ma loro non lo riconoscono. Chiede loro se hanno qualcosa da mangiare e dopo la loro risposta negativa li invita a gettare la rete che si riempie di pesci in abbondanza. Poco dopo sulla riva condividono il pesce arrostito sulle braci insieme al pane portato da qualcuno.
Questa è la pedagogia del racconto: farsi presenti, essere insieme, formare il noi del presente, del futuro, della speranza.
Gesù vivente oltre la morte si fa presente per comunicare che l’amore è più forte dell’ingiustizia, della violenza, della guerra, dell’indifferenza; sulle rive del lago di Tiberìade e oggi nelle nostre storie, nella storia dell’umanità dentro alle situazioni di disumanità e all'esigenza profonda di riscatto e di vita. 
Nella misura in cui ci sono persone capaci di dedicarsi per amore agli altri, al bene comune, in quella misura c’è la speranza. 
S. Paolo così conclude l’inno dell’amore: “Ecco dunque le tre cose che contano: fede, speranza, amore. Ma più grande di tutte è l’amore.”
È infatti l’amore che sollecita la fede a farsi concreta prossimità e a non dissolversi in spiritualismi astratti, separati dalla realtà. 
È infatti l’amore che coinvolge le persone a donarsi, a dedicarsi e così a comunicare speranza a chi le incontra e percepisce e riceve consolazione e incoraggiamento dell’amore che si fa storia. 
La speranza autentica rinasce affidandosi a parole dense di significato, frutto di esperienze dolorose e liberatrici; non certo alle promesse facili, agli slogan di un momento. Le spinte irrazionali non sono certo speranza autentica. 
La speranza rinasce quando, come sulle rive del lago Tiberìade, si condivide concretamente il pane della vita e ci si sente compagni (cum-pane) di viaggio, perché si vivono insieme fede, ideali, memorie, prospettive, sofferenze, delusioni e rilanci, nella concretezza delle esperienze e soprattutto nella loro credibilità.


Calendario
<< < ottobre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org