DOMENICA 18 Agosto 2019 Vangelo Luca 12,49-53
18/08/2019

DOMENICA 18 AGOSTO 2019
Costruire la pace vera
Vangelo di Luca 12,49-53

Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D'ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Padre Ernesto Balducci così si è espresso: “I profeti minacciano le false ideologie, le false teologie, le istituzioni tese a difendere il proprio prestigio; questo perché sono amici dell’uomo e non hanno patria che non sia l’uomo e non hanno passione che non sia quella per l’uomo che è privato dai suoi diritti. L’amore da cui nasce questa profezia di verità, denuncia, annuncio, prospettiva divide continuamente”.
Il Vangelo di questa domenica (Luca 12,49-53) propone proprio questi contenuti e questa prospettiva: “Pensate che io sia venuto a portare pace fra gli uomini? No, ve lo assicuro, non la pace, ma la divisione”. 
Non c’è quindi pace vera senza tensioni e lacerazioni; la pace che si concepisce come apparenza, formalità, copertura delle diversità e delle tensioni; che si confonde con uno star in pace chiuso, indifferente, localista e privilegiato, con un irenismo fasullo, non è pace autentica perché falsifica la realtà. Gesù per eccellenza è il maestro, il promotore e il costruttore di pace: smaschera le ipocrisie e le falsità, accoglie le persone, abbatte i muri di discriminazione ed esclusione, propone la liberazione dell’inimicizia; proclama beati i non violenti e i costruttori di pace riconoscendoli figli di Dio. 
Questa prospettiva chiede decisioni che provocano contrasti e divisioni.
Costruiscono la pace coloro che accettano il capitalismo, il sistema strutturalmente ingiusto di questo mondo che impoverisce, affama, opprime, umilia la dignità delle persone e dei popoli interi o coloro che invece denunciano questa situazione, diffondono sensibilità e cultura alternative, sperimentano esperienze di economia di vita, pongono segni positivi nel cammino del difficile cambiamento?
Costruiscono la pace coloro che ritengono che per raggiungerla e garantirla siano necessarie le armi, anche quelle atomiche, i cacciabombardieri, le basi che li custodiscono? O coloro che cercano di vivere la non violenza attiva e si impegnano nella costruzione della pace nelle varie situazioni e nei diversi ambiti, sollecitando le istituzioni e la politica a farsene carico, perché la pace è la grande questione dell’umanità?
Costruiscono la pace coloro che con colpevole indifferenza continuano a distruggere l’ambiente, la casa comune, a sfruttare, a inquinare, a favorire l’innalzamento della temperatura o coloro che, e i giovani sono d’esempio, sollecitano l’urgenza di una sensibilità radicalmente nuova e di realtà e comportamenti conseguenti?
Costruiscono la pace coloro che diffondono inimicizia, disprezzo nei confronti delle persone diverse, xenofobia e razzismo nei confronti dei migranti o coloro che si impegnano a diffondere e a praticare concretamente esperienze d’accoglienza?
Nessuna divisione manichea; il Vangelo è inequivocabile nella sua proposta.
A ciascuna e ciascuno di noi la sua scelta.

Calendario
<< < novembre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org