DOMENICA 13 Ottobre 2019 Vangelo 17, 11-19
13/10/2019

DOMENICA 13 OTTOBRE 2019
I lebbrosi messi al centro dell’attenzione
Vangelo di Luca 17, 11-19

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all'infuori di questo straniero?». E gli disse: «Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

I lebbrosi di cui ci parla il Vangelo di questa domenica (Luca 17, 11-19) sollecitano la nostra attenzione ai malati di lebbra e alla loro storia; all’evoluzione positiva riscontrata: dal nascondimento, dalla vergogna e dalla paura, dal rifiuto e dall’esclusione al riconoscimento della pari dignità, all’accoglienza, alle cure, alla guarigione, a progetti di autonomia e di lavoro, di relazioni significative. Esemplari sono le disponibilità e la dedizione di tante persone che hanno condiviso la vita dei lebbrosi anche come dedizione totale: suore, preti, religiosi, medici, infermieri, volontari. E insieme le persone e le associazioni che hanno animato sensibilità e sollecitato a concreta solidarietà. In Friuli al proposito una gratitudine particolare va espressa all’associazione “I nostri amici lebbrosi” e al suo ispiratore indimenticabile dott. Daniele Sipione.
Il libro del Levitico ci presenta in modo dettagliato la prassi di esclusione dei lebbrosi: motivazioni igienico-sanitarie e religiose si saldano nel decretare l’espulsione dalla comunità. Una malattia talmente grave ed evidente è interpretata ancora più delle altre come una punizione, un castigo di Dio.
Gesù di Nazaret sovverte radicalmente questa concezione e prassi: il Dio umanissimo presente nella sua persona vive l’attenzione, la compassione, la premura e la cura per ogni persona, in qualunque situazione e condizione si trovi. Il lebbroso è prima di tutto una persona con la sua storia da considerare e in cui coinvolgersi per comunicare vicinanza, conforto e aiuto concreto.
I lebbrosi vivono lontani dai villaggi; secondo le prescrizioni devono presentarsi trasandati con la barba incolta e gridare la loro presenza quando sentono i passi di qualcuno che si avvicina. Alle volte vivono in gruppo, probabilmente per riuscire almeno in piccola parte a non sentirsi completamente emarginati; condividono la medesima condizione: una solidarietà fra emarginati!
Appena Gesù vede i dieci lebbrosi li esorta ad andare dai sacerdoti e a presentarsi a loro. Nell’eventualità rara della guarigione gli uomini della religione erano chiamati ad attestarla; dato il ruolo escludente della religione, la stessa confermava la possibilità di rientrare nella comunità. Mentre camminano improvvisamente si accorgono della guarigione. Uno di loro ritorna indietro lodando Dio; è un samaritano. Gesù osserva con stupore che solo lui straniero sente il bisogno di ringraziare, non gli altri nove. E gli dice: «Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».
Tutti e dieci guariti, uno solo salvato perché trova il senso profondo di quello che gli è avvenuto, ne riconosce l’autore e gli esprime profonda gratitudine. Gli altri nove guariti hanno osservato le procedure previste, l’uomo di Samaria invece si pone oltre ad esse; avverte che la sua guarigione riguarda insieme il corpo e l’anima che formano un tutt’uno e che l’Uomo di Nazaret ha curato ambedue.
I lebbrosi assurgono a paradigmi degli esclusi di sempre e Gesù che accoglie, guarisce e salva è una provocazione a non trascurare e abbandonare, ad accogliere, prendersi cura e accompagnare ogni persona qualsiasi sia la sua condizione, provenienza, colore della pelle, cultura, fede religiosa.

Calendario
<< < novembre 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org