DOMENICA 3 Novembre 2019 Vangelo di Luca 19, 1-10
03/11/2019

DOMENICA 3 NOVEMBRE 2019
La conversione alla giustizia
Vangelo di Luca 19, 1-10

Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand'ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch'egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell'uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Il racconto del Vangelo di questa domenica (Luca 19, 1-10) è ambientato a Gerico, una cittadina di frontiera e di collegamento per il commercio oltre che, naturalmente, per il transito delle persone. Vi prosperano i funzionari della dogana e del dazio, gli esattori delle tasse per l’impero di Roma che occupa quelle regioni. La riscossione delle tasse viene appaltata con una offerta alta ai dominatori; poi si ricupera sulla povera gente e si fa di tutto per guadagnare al massimo. 
Uno dei capi degli esattori di Gerico si chiama Zaccheo, temuto e disprezzato dalla gente perché si è arricchito in modo iniquo. Tutti gli esattori delle tasse dalla società e dalla religione sono considerati peccatori pubblici, irrimediabilmente perduti. Probabilmente ha sentito parlare di Gesù di Nazaret: lo incuriosisce quell’Uomo così diverso da tutti per quello che dice e per i segni che compie. Ha saputo che viene in città e desidera almeno vederlo; quando si accorge che la gente è tanta corre avanti e si arrampica su un albero, dato che è piccolo di statura. 
È motivo di riflessione che un uomo così potente, temuto e disprezzato si comporti in questo modo. Gesù vede, interpreta e si rende a lui disponibile: “Scendi in fretta perché oggi devo fermarmi a casa tua”. Va oltre i giudizi pesanti e giustificati della gente nei confronti di questo ladro e approfittatore; sente di potergli parlare, di sollecitarlo a riflettere sul suo modo di vivere, magari a rimetterlo in discussione; non si lascia certo influenzare, tanto meno fermare dall’immediata reazione e mormorazione contro di lui: “È andato ad alloggiare da uno strozzino”. 
Gesù non è interclassista, a lui non tutto e non tutti “vanno bene”; il suo giudizio sull’accumulo della ricchezza è inequivocabile; o Dio o il denaro. Nello stesso tempo offre a tutti la possibilità del cambiamento, della conversione che pur partendo dall’interiorità del cuore, della coscienza, della mente non può mai fermarsi allo spiritualismo evanescente o alla teoria sospesa, bensì esprimersi nella concretezza della vita e della storia. Si può dire che il Dio umanissimo di Gesù ci fa percepire l’accoglienza e il perdono come fiducia nelle possibilità di bene e di cambiamento, prima della nostra conversione.
L’incontro fra i due determina in Zaccheo un cambiamento radicale che dice a Gesù: “Signore la metà dei miei beni la dò ai poveri e se ho rubato a qualcuno gli rendo quello che gli ho preso quattro volte tanto”. Un cambiamento clamoroso: non più l’io, l’imbroglio, l’accumulo, ma invece le relazioni con attenzione ai poveri, agli sfruttati anche da lui, la giustizia che restituisce e riconsegna, la condivisione. “Oggi - dice Gesù – la salvezza è entrata in questa casa”. 
Per associazione viene spontaneo accostare Zaccheo ai 26 potentati economici del mondo che hanno in mano la ricchezza di tre miliardi e mezzo di persone; ad una minoranza che in Italia possiede un concentrato di ricchezza ingiusta con un divario vergognoso dalla maggioranza delle persone; alla iniquità di coloro che nelle banche hanno rubato i risparmi a migliaia di persone; agli evasori fiscali, ai corrotti. Con idealità forse ingenua verrebbe da auspicare un incontro con Gesù, come con Zaccheo; ma di fatto Gesù è venuto, ha parlato, continua a farlo in modo chiaro, inequivocabile.
Certamente sono indispensabili i percorsi storici di giustizia, le leggi di controllo e di investigazione; quando necessari, i tribunali e i processi, sperando nella giustizia giusta, ma prima e sempre sono da considerare cuore e coscienza, etica della giustizia e del bene comune. L’esigenza e l’urgenza sono di formazione, consapevolezza, responsabilità.

Calendario
<< < novembre 2022 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org