DOMENICA 27 DICEMBRE 2020 Vangelo di Luca 2,22-40
27/12/2020

DOMENICA 27 DICEMBRE 2020
COME LA FAMIGLIA DI NAZARET E’ ESEMPLARE
VANGELO DI LUCA 2,22-40 

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli: luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

Questa domenica dopo il Natale nelle comunità cristiane si è invitati a riflettere e pregare con attenzione alle esperienze delle famiglie guardando a quella di Nazareth. Il Vangelo proposto alla riflessione racconta l'esperienza della presentazione di Gesù al tempio da parte di Maria e Giuseppe che in questo seguono una tradizione, (Luca 2, 22 – 40). Il momento diventa significativo perché non è ridotto ad una ripetizione rituale, ma invece reso vivo e intenso dalla presenza di due persone anziane: Simeone e Anna. Lui è un uomo retto è pieno di fede in Dio e attende con speranza il messia liberatore; lei è rimasta vedova presto e poi si è dedicata completamente al servizio nel tempio, si può immaginare anche nell'accoglienza dei pellegrini, nella preghiera, nelle esortazioni, dato che è considerata una profetessa. Ambedue percepiscono che quel piccolo bambino è segno della presenza di Dio, che sarà luce e contraddizione per molti. Simeone esprime con commozione la sua serenità interiore: ora finalmente i suoi occhi potranno chiudersi in pace.
Nella storia della famiglia di Nazareth è uno dei momenti di fede e preghiera, cioè del vissuto fondamentale della loro vita che li ha accompagnati nella difficile accoglienza dell'annuncio di quel figlio, nell’attesa trepidante della sua nascita nella stalla di Betlemme dopo l'esperienza di non essere stati accolti; nella tribolata profuganza in Egitto, come milioni di migranti, poi nella vita quotidiana nella casa di
Nazareth. Questa esperienza per loro fondamentale ha sostenuto in loro la resistenza, il coraggio, la fatica del lavoro, la disponibilità, l'accoglienza fra loro tre in famiglia e con le altre persone.
Queste dimensioni possono diventare di esempio, luce e incoraggiamento per tutte le esperienze di famiglia che negli accelerati mutamenti della storia si concretizzano in diverse modalità e presenze. Ogni nucleo affettivo, ogni famiglia può ispirarsi nella propria diversità alle qualità della famiglia di Nazareth, anch’essa particolare. Per immediata associazione interiore gli anziani Simeone e Anna fanno pensare agli anziani in questa nostra società, al numero impressionante di loro che sono morti e muoiono a causa della pandemia. Una riflessione dolorosa riguarda il loro posto nell'organizzazione di questa società; quanto sono messi da parte, come sono pensate e gestite le case di riposo. Dopo la morte drammatica di questo numero impressionante si dovrebbe ripensare radicalmente al rapporto con loro, con le loro storie ricche di umanità, amore, progetti, lavoro, sacrifici, dolore, speranza, fede; a una progettualità di luoghi di accoglienza molto diversi da quelli attuali. Nelle considerazioni, nei dibattiti, nella politica a questo non si fa neanche cenno. E chissà se nella modalità molto dolorosa della morte in solitudine hanno potuto percepire una speranza di affidamento, un po' di luce come quella che gli occhi degli anziani Simeone e Anna hanno visto in quel bambino, di nome Gesù.

CALENDARIO DELLE PROSSIME CELEBRAZIONI SEMPRE IN SALA PETRIS: 
POSSONO ENTRARE AL MASSIMO 115 PERSONE

Martedì 22 Ore 19.00 Celebrazione del perdono

Giovedì 24 Vigilia di Natale
Ore 20.00 Celebrazione del Natale

Venerdì 25 Natale
Ore 8 e 10.30 Celebrazione dell’Eucarestia

Sabato 26 Santo Stefano
Ore 9.30 Celebrazione dell’Eucarestia

Domenica 27 Santa Famiglia
Ore 9.30 Celebrazione dell’Eucarestia

Giovedì 31 Ore 18.00 Celebrazione dell’Eucarestia di fine anno 2020

Venerdì 1 1 ^ giorno dell’anno
Ore 9.30 Celebrazione dell’Eucarestia

Domenica 3 gennaio 2021
Ore 9.30 Celebrazione dell’Eucarestia.
 
Invitiamo caldamente tutte le persone che assisteranno alle celebrazioni ad indossare la mascherina, a non sostare in atrio o nel giardino prima e dopo per non creare assembramenti, a disinfettarsi le mani all'ingresso e a mantenere sempre la distanza di 1 metro e mezzo.


Calendario
<< < gennaio 2022 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org