DOMENICA 23 MAGGIO 2021 - Vangelo di Giovanni 15,26-27; 16,12-15
23/05/2021
PENTECOSTE:
LA RICCHEZZA DELLE DIVERSITA’

Vangelo di Giovanni 15, 26-27; 16,12-15

26'Quando verrà il difensore che io vi manderò da parte del Padre mio, lo Spirito della verità che proviene dal Padre, egli sarà il mio testimone, 27e anche voi lo sarete, perché siete stati con me dal principio.
12'Ho ancora molte cose da dirvi, ma ora sarebbe troppo per voi; 13quando però verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà verso tutta la verità. Non vi dirà cose sue, ma quelle che avrà udito, e vi parlerà delle cose che verranno. 14Nelle sue parole si manifesterà la mia gloria, perché riprenderà quel che io ho insegnato, e ve lo farà capire meglio. 15Tutto quel che ha il Padre è mio. Per questo ho detto: lo Spirito riprenderà quel che io ho insegnato, e ve lo farà capire meglio.



Dal libro della Genesi, il primo, a quello dell'Apocalisse, l’ultimo, ci sono nella Bibbia situazioni antropologiche che permangono e che noi conosciamo per diretta esperienza; contengono, nel linguaggio e nei simboli propri dei tempi diversi, una corrente profetica il cui flusso arriva come provocazione attuale fino a noi oggi e riguarderà anche il futuro. La spinta all'onnipotenza, a diventare come Dio la percepiamo anche dentro di noi e ne cogliamo tutt’intorno i segni che si concretizzano nell'umiliazione di molti e nelle tante disuguaglianze.
Adamo ed Eva siamo anche noi e lo sono tante persone, gruppi, istituzioni, assetti politici, gruppi di potere finanziario.
Le parole i segni di violenza sono impressionanti e i social diffondendoli in modo così ampio ne fanno percepire la preoccupante invasione. L'altro se non è accolto nella sua diversità diventa competitore, avversario, nemico, ostacolo da eliminare: perché donna, sessualmente diverso, immigrato, carcerato e in altre condizioni ancora. Abele e Caino popolano il mondo e Caino è presente e attivo ogni giorno nell’eliminazione del fratello.
I gruppi di potere, l’accumulo sbalorditivo e immorale delle ricchezze in mano di pochi e della finanza, la concentrazione dell'informazione – con rimandi alla torre di Babele - determinano sul Pianeta individualismo di persone e gruppi, omologazione di mentalità e comportamenti disumani, la globalizzazione dell’indifferenza.
Quando si esprime e si organizza il dissenso questo diventa movimento e organizzazione di molti si decide la repressione brutale e si contano le vittime. Pensiamo come stia venendo anche in questo periodo storico: in Paesi dell'Africa, in Afghanistan, nel Myanmar, in Colombia, in Palestina e in altri luoghi. Anche nelle religioni si pratica l'esclusione di chi è accusato di non rispettare pienamente l'ortodossia della dottrina e delle ritualità e una appartenenza in verità spesso formale.
Lo Spirito Santo invece anima le diversità ad esprimersi, collegarsi con le altre per sperimentare la convivenza pacifica e arricchente delle diversità. Nell'attuale situazione storica questa esperienza dovrebbe essere favorita dalla presenza di persone provenienti da luoghi diversi del Pianeta espressioni di culture e fedi religiose diverse. La loro presenza è una salutare provocazione a liberarsi dalla presunzione di superiorità, fonte di ogni colonialismo, oppressione, sfruttamento e schiavitù. Non ci sono la superiorità e l'inferiorità delle culture e delle religioni: c'è la diversità che nell'incontro e nel dialogo può diventare un arricchimento per tutti se ci si libera dalla presunzione che rende inferiori gli altri o pretende di omologarli. Quante sono le culture e le esperienze religiose sulla faccia del pianeta veramente molteplici e colorate
Lo Spirito le anima e le sollecita ad esprimere le loro ricchezze e a liberarsi della presenza di qualche aspetto negativo che offendo la uguale dignità di ogni persona.
La Chiesa ha continuamente bisogno dell'esperienza dello Spirito; pare che le problematiche e difficoltà di oggi rischino di accrescere il conformismo e di confermare quell’invocata unità che si confonde con l’unanimismo formale.
Si dice con grave fraintendimento che la Chiesa non può essere una democrazia perché è comunione ma in realtà la comunione non può prescindere dalla democrazia ne è base altrimenti in nome della comunione si possono ferire ed eliminare le persone per la loro diversità. "E’ lo Spirito della verità che guida verso tutta la verità"; a così dice il Vangelo di oggi (Giovanni 16, 12-15).
Nessuno quindi possiede la verità, possiamo, nella ricerca continua, portare il nostro frammento come contribuito; ogni diversità è portatrice di verità.

AVVISI
Celebrazione dell’Eucarestia alle ore 8.00 e 10.30 in Sala Petris

Nei giorni feriali, martedì e giovedì: alle ore 8.00 in chiesa.
Alle 7.45 si pregherà il rosario.

 DOMENICA 23 MAGGIO 2021.pdf

Calendario
<< < ottobre 2021 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
Promozione Culturale
Ultime Notizie
Eventi futuri
Agenda anno in corso
Storico Eventi
Convegni
Premio Honor et Dignitas
 
I nostri percorsi
Riflessioni di Don Pierluigi Di Piazza
Immigrazione
Pace
Presentazione libri
Rete di diritti di cittadinanza
Video
 
Associazione - centro di accoglienza "E. Balducci" ONLUS
Piazza della Chiesa, 1 - 33050 Zugliano (Udine)
email: segreteria@centrobalducci.org